Enrico Zen, dominatore anche al Giro delle Valli Monregalesi, positivo al “doping dei cavalli”

Il 33enne ciclista bassanese positivo al termine della Sportful Dolomiti Race del 16 giugno. Lui si difende: «Mi sono fidato dei medici, non giudicatemi un drogato»

Enrico Zen fermato per doping
Enrico Zen fermato per doping

Scossa di terremoto nel mondo del ciclismo amatoriale: Enrico Zen, vincitore delle ultime tre edizioni della Sportful Dolomiti Race, la gran fondo più impegnativa a livello nazionale e di tante altre gare in giro per l’Italia, è stato trovato positivo a un controllo anti doping. Il test è stato effettuato a Feltre il 16 giugno, proprio al termine dell’ultima Sportful. Volto di punta nel mondo delle gran fondo, Enrico Zen (ciclista professionista tra il 2009 e il 2010) ha messo in bacheca anche cinque Giri delle Valli Monregalesi. È di poco più di un mese fa la terza affermazione consecutiva: un successo arrivato dopo i trionfi nel 2013, 2015, 2017 e 2018.
Mercoledì 10 luglio Zen è stato sospeso dalla Procura Antidoping per positività al triamcinolone acetodine e suo metabolita - Catina, sostanza utilizzata come anti-infiammatorio per le articolazioni di cavalli. Ora Zen e la sua squadra rischiano una multa di 50mila euro che, da regolamento, andrebbe a favore della pratica sportiva giovanile.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità? Iscriviti gratis alla nostra newsletter

La difesa sui social

Zen ha affidato la sua difesa ad un lungo post pubblicato su Facebook ed Instragram che, come prevedibile, ha scatenato un dibattito serrato di giudizi e commenti. «Qualche giorno prima della gara mi viene eseguita infiltrazione per dare sollievo al mio solito problema alle ginocchia – sono le sue parole – che, come garantito da medici dello sport, è sostanza consentita purché non assunta in competizione. Chiedo di non giudicare, sulla base di informazioni parziali, “un drogato” chi in realtà ha sempre praticato il ciclismo per pura passione. Se sarà confermata questa mia colpa allora la accetterò con serenità, consapevole che il mondo del ciclismo è toccato da troppe ombre e che la severità dei parametri scientifici è giusta conseguenza di una realtà malata».

Mai mi sarei immaginato di dovermi sforzare di esprimere a parole quello che ho sempre cercato di raccontare con le...

Gepostet von Enrico Zen am Mittwoch, 10. Juli 2019