Ipercoop Speciale Agosto

#MondovìGerusalemme – DIARIO DI VIAGGIO /episodio 2: Monte Tabor e la Tomba del Giusto

Secondo giorno di cammino per i 50 giovani della Pastorale Giovanile della Diocesi di Mondovì. Da lunedì in Terra Santa, in cammino da Nazareth a Gerusalemme per un viaggio di 10 giorni.

I nostri giovani in cammino nel luogo in cui il Signore parlò, compì miracoli, guarì, camminò; il luogo in cui qualcosa è accaduto... Accompagnateci con la preghiera affinchè questo cammino ci riveli anche il mistero della nostra vita, perché “c’è in noi una luminosità, una grandezza, una nobiltà che ci viene da Dio in Gesù Cristo”.#pastoralegiovanilemondovi #pgmondovi #pastoralegiovanilealba #nazareth #terrasanta #tabor #sullesuetracce #gerusalemme #pellegrinaggio #incammino #cammino #preghiera #mistero #rivelazione #trasfigurazione #luminosità #grandezza #nobiltà #gesù #signore #mondovipower #perchisono #perchiseiincammino

Gepostet von Pastorale Giovanile e Vocazionale Diocesi Mondovì am Mittwoch, 14. August 2019

Giorno 2

«Saliti a piedi fini al Monte Tabor, fino al luogo della Trasfigurazione – raccontano – abbiamo celebrato l’Eucaristia con la presenza del nostro Vescovo, Mons. Egidio che ci ha offerto tre spunti. Il primo preso in prestito da un prete pavese, Cesare Angelini, che amava definire la Terra Santa come il quinto Vangelo, il luogo in cui il Signore parlò, compì miracoli, guarì, camminò; il luogo in cui “qualcosa è accaduto, qualcosa di molto più importante della scoperta dell’America o delle dichiarazioni dei diritti dell’uomo” (Eugenio Montale). Il secondo riguardante il cammino interiore che ogni pellegrinaggio costringe a fare e il terzo sull’evento della Trasfigurazione che rivela anche il mistero della nostra vita, perché “c’è in noi una luminosità, una grandezza, una nobiltà che ci viene da Dio in Gesù Cristo”.
Nel pomeriggio, rientrati a Nazareth, abbiamo visitato e sostato sul luogo in cui Maria ha detto il suo sì all’iniziativa di Dio, il luogo dell’Annunciazione per poi fare tappa alla Tomba del Giusto. Un posto sconosciuto ai più che permette di vedere intatta una tomba del I secolo d.C., la tomba del Giusto, che alcune ipotesi di studio arrivano ad attribuire a Giuseppe (ma su questo ovviamente vi è discussione) e di cogliere dove è stato posto il Signore dopo la Sua Passione e morte».

Saranno in cammino per 10 giorni, in cui visiteranno alcuni dei luoghi più importanti della Terra Santa: Nazareth, il lago di Tiberiade, il monte Tabor, Cafarnao, Qumran, Betlemme e ovviamente Gerusalemme. I ragazzi avranno anche modo di incontrare alcune realtà e comunità cristiane, testimonianze preziose che permetteranno di capire com’è l’attuale situazione di vita dei cristiani in Terra Santa.

Sarà possibile seguire il cammino dei ragazzi, oltre che sulle pagine online de “L’Unione”, anche attraverso le pagine social della Pastorale giovanile:

SEGUI IL CAMMINO SU INSTAGRAM

SEGUI SU FACEBOOK

Ipercoop Speciale Agosto