12 lavoratori “in nero” in una pizzeria del Doglianese

Indagine dell’Ispettorato del lavoro. Il locale ha riaperto solo dopo aver regolarizzato di dipendenti e pagato una sanzione

Una pizzeria di una nota località delle Langhe, nel Doglianese, è stata oggetto, la scorsa settimana, di una indagine da parte degli ispettori del lavoro e dei Carabinieri del NIL, dell’Ispettorato di Cuneo. Nel locale lavoravano 16 persone; durante l’ispezione è emerso che 12 di loro erano totalmente “in nero”, cioè occupati senza nessuna forma di contratto lavorativo. Tra essi inoltre è stato individuato anche un dipendente pubblico, nei cui confronti è scattata l’immediata segnalazione all’Ente di appartenenza, visto l’obbligo di esclusività nel rapporto di lavoro pubblico. I lavoratori non in regola individuati erano cuochi, pizzaioli e camerieri. Nei confronti della pizzeria è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. La ditta, solo dopo la regolarizzazione dei lavoratori in nero e il pagamento della sanzione, ha ottenuto la revoca potendo così tornare alla normale attività.