Sulle due ruote per aiutare i bambini con il diabete

La storia della “TwoMattCross”, team benefico fondato dal monregalese Mattia Baracco.

Sulle due ruote per aiutare i bambini con il diabete
Sulle due ruote per aiutare i bambini con il diabete

Sulle due ruote per aiutare i bambini con il diabete. Tutto è iniziato con la passione per il motocross: due amici, Mattia Baracco e Matteo Portinaro, sportivi appassionati e crossisti dilettanti, intraprendono una fitta attività pubblicistica dedicata alle due ruote.

Dopo diversi mesi di frequentazione del circuito, gare viste, visite ai paddock, interviste ai protagonisti, chiacchierate con meccanici, manager, addetti ai lavori... i due maturano una considerevole conoscenza del settore e un buon capitale di contatti e amicizie, anche tra grandi campioni.

Nel Monregalese Baracco e nell’Albese Portinaro si fa strada un’idea che diventa mano a mano sempre più definita: l’idea di sfruttare la passione, le competenze e metterle al servizio di uno scopo benefico.

Sulle due ruote per aiutare i bambini con il diabete

Nasce così la TwoMattCross, un team, un brand che si concretizza, prima di tutto, in una gara organizzata dai due, a cui partecipano i grandi delle due ruote. La prima edizione si tiene a Boves nel 2017. Da allora il team ha continuato con attività benefiche di diverso tipo: aste con oggettistica regalata dai grandi campioni, tute, caschi e quant’altro.

«La prima volta abbiamo devoluto i ricavati in favore dei terremotati di Amatrice, abbiamo cominciato quando era successo quel disastro e ci eravamo detti che sarebbe stato bello dare una mano – racconta Baracco –. Poi abbiamo scelto di dare una mano al pilota Bryan Toccacelli, colpito da un grave incidente. Infine abbiamo incontrato Luca Travostino e Fabio Parasole, presidente e vicepresidente della Agd Piemonte Valle d’Aosta – Aiuto giovane diabetico, e abbiamo cominciato a collaborare con loro. Anche nel 2019 devolveremo una tranche a loro e una tranche di contribuiti al reparto dedicato ai piccoli diabetici al “Santa Croce” di Cuneo».

La corsa torna con la sua 2ª edizione nel 2019. Si correrà il 12-13 ottobre a Orbassano: «Nel 2018 non siamo riusciti per il maltempo e per una serie di imprevisti che avevano fatto slittare l’iniziativa. Quest’anno Portinaro ha lasciato la parte organizzativa per dedicarsi esclusivamente all’attività pubblicistica e di comunicati stampa, curo io l’organizzazione dell’evento».

Un brand d'abbigliamento

Tra le novità di quest’anno c’è la nascita di un brand d’abbigliamento associato al Team, che attualmente conta 10 piloti. «Il marchio si chiama “Cambwear” lo abbiamo creato io e Alessio Cinardi: mi ha chiesto di entrare a far parte del team di Motocross e abbiamo pensato di vestire i nostri piloti con un nuovo brand. Devolviamo sempre una percentuale dei ricavi di ogni vendita griffata “Cambwear”. Inizialmente il marchio era stato creato solo per il team, poi abbiamo visto che la cosa funzionava, abbiamo avuto delle richieste, e abbiamo iniziato a servire attività commerciali, ristoranti, negozi… ».

È un momento estremamente positivo per il team, anche dal punto di vista agonistico: «Siamo in lizza per la vittoria: a Casale Monferrato abbiamo l’ultima gara di Campionato, due dei nostri piloti stanno per aggiudicarsi la vittoria finale. Adesso stiamo lavorando per far entrare nuove giovani leve nel team, a Orbassano incontrerò due ragazzini interessati a correre per noi, poi vorrei inserire altri due rider d’esperienza, per aumentare il nostro potenziale agonistico».