Paroldo: evasa la donna condannata per l’omicidio del marito

Evasa la donna condannata per l'omicidio del marito. Assunta Casella, 60 anni, era ai domiciliari condannata per aver ucciso Severino Viora

Si costituisce dopo la fuga
Si costituisce dopo la fuga

Evasa la donna condannata per l'omicidio del marito. Assunta Casella, 60 anni, era ai domiciliari per l'omicidio del marito Severino Viora avvenuto a Paroldo. La donna era stata condannata a 21 anni per omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere dalla Corte di Assise di Torino, che aveva confermato la sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Cuneo. Il cadavere dell'uomo venne ritrovato, nel giugno del 2016, nel noccioleto di casa dei due, residenti a Paroldo.

LEGGI: cadavere rinvenuto in un noccioleto

L'uomo narcotizzato e poi soffocato: «Voleva rifarsi una vita senza di lui» - Le motivazioni de gesto, secondo l'accusa in primo grado: «Ha deciso di uccidere il marito almeno un mese prima, quando ha comprato il farmaco e lo ha usato per mettere in atto l’omicidio. Voleva iniziare una nuova vita senza di lui», aveva detto il pubblico ministero Attilio Offman durante l'arringa finale. «La donna ha acquistato un sonnifero Zolpidem l’8 maggio e da quel momento iniziò a diffondere la storia che il marito aveva un’amante di origini romene».

Oggi però la donna condannata per l'omicidio del marito è evasa. La Casella, dopo due anni di carcere preventivo, aveva ottenuto nel gennaio del 2019 i domiciliari. Poco dopo era stata trasferita in una casa protetta alla periferia di Torino. Qui i Carabinieri non l'hanno trovata. Dopo il rigetto del ricorso dalla custodia cautelare, sarebbe dovuta infatti essere ricondotta in carcere.

«Lunedì la Cassazione a Roma ha rigettato il ricorso e attendiamo le motivazioni. L'ho incontrata l'ultima volta venerdì mattina e da due giorni non abbiamo più notizie di lei», sostiene l'avvocato Chiaffredo Peirone, di Saluzzo, che difende la donna col collega Giuseppe Caprioli.

Durante il primo processo la donna aveva riferito di «essere stata comprata per 500 mila lire all'età di 14 anni».

Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità?Iscriviti gratis alla nostra newsletter

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Sant’Albano: gli Alpini ricordano la ritirata di Russia, 80 anni dopo la tragedia

Da venerdì 3 a domenica 5 febbraio, Sant’Albano ha ospitato una tre giorni interamente dedicata alla ritirata di Russia, ad 80 anni esatti di distanza dalla tragedia che interessò da vicino moltissimi giovani e...

Prof. del Liceo di Mondovì pubblica una biografia di Guccini… dal “punto di vista”...

Una biografia in prosa che però nasce dalle strofe. «C’è chi sostiene che un artista non possa raccontare sé stesso coi versi. Io invece credo di sì e, partendo dalle canzoni che Guccini ha...

Ceva: si presenta il progetto del “Museo del fungo”

E' in corso, presso il Municipio di Ceva, la conferenza stampa di presentazione del futuro "Museo del Fungo". Un sogno che si appresta a diventare realtà. Ad illustrare il progetto e le fasi che...
Micronido Mondovì Merlo Vicoforte Montessori

Micronido “Il Nido del Merlo” a Mondovì e “Piccoli Passi” a Vicoforte

Il micronido “Il Nido del Merlo” a Mondovì e il micronido “Piccoli Passi” a Vicoforte accolgono minori di età compresa tra 3 e 36 mesi e possono ospitare rispettivamente 18 (Merlo) e 15 bambini...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...