Gestione amministrativa nelle parrocchie: incontro con i componenti dei nuovi CAE

Al Santuario, venerdì sera, grande partecipazione da tutta la diocesi per i Consigli affari economici

L’aula “Bona” in Casa Regina al Santuario gremita all’inverosimile, con molti in piedi, venerdì sera, per il momento di riflessione a cui sono stati chiamati i componenti dei nuovi Consigli parrocchiali per gli affari economici (CAE), appena rinnovati. Si è trattato di una iniziale occasione per condividere i “fondamentali” di un impegno da credenti, nella corresponsabilità dell’azione pastorale delle comunità parrocchiali, dando un apporto consapevole in termini di passione ecclesiale e di competenza anche tecnica nell’amministrare i beni e nel supportare la gestione materiale appunto delle parrocchie, in particolare - come ha sottolineato il vescovo mons. Egidio Miragoli in apertura di lavori - in questo frangente importante ed anche coinvolgente in cui la Chiesa monregalese si ritrova, svoltando verso una riorganizzazione sul territorio con nuove Zone e nuove Unità pastorali ormai avviate e da accompagnare fattivamente. “Anche su questo piano concreto - ha ricordato il vescovo - siete a pieno titolo, accanto ai sacerdoti, evangelici ‘operai nella vigna del Signore’. E siete una risorsa preziosa per la nostra Chiesa che non è in declino ma deve assumere nuove sfide e in tappe determinanti, in cui condividere i passi da compiere, con simpatia e fiducia, nel rispetto delle competenze ma in chiave di partecipazione comunionale. Aiutandoci a testimoniare atteggiamenti costruttivi, evitando (come ribadisce spesso e con forza Papa Francesco) le ombre di critiche solo negative, sospetti, mormorazioni… che non portano a nulla. Abbiamo invece bisogno di fare squadra come non mai, in una corresponsabilità che fa del bene a tutti”.

La serata è stata poi animata da una interessante relazione di don Ettore Signorile, vicario giudiziale del Tribunale ecclesiastico interdiocesano piemontese, nonché parroco moderatore a Sampeyre, diocesi di Saluzzo, su “Il Consiglio per gli affari economici: sinodalità, corresponsabilità pastorale e consulenza tecnica”. Nel suo ampio intervento ha posto i fondamenti importanti per un impegno da svolgere appunto nel ruolo di componenti dei Consigli per gli affari economici in parrocchia, risalendo alle fonti del Consiglio Vaticano II, del Codice di diritto canonico, degli interventi di Papa Francesco e della Conferenza episcopale italiana, ridisegnando una visione di Chiesa-comunione, con responsabilità distinte e condivise, per servire sempre meglio l’Evangelo nell’oggi di situazioni concrete e complesse. Come ha specificato ancora il vescovo, seguiranno altri momenti formativi più specifici sempre rivolti ai componenti dei CAE nelle parrocchie.