Al via “Bee”: formaggi e tradizioni di montagna

In mattinata la tavola rotonda con gli addetti ai lavori, nel pomeriggio il premio all'alpinista Matteo della Bordella

Tradizione, gastronomia, allevamento, agricoltura... “Bee” è la sintesi di tutto questo e tanto altro: una due-giorni di full immersion a tutto tondo nel mondo della montagna e dei suoi prodotti, con la punta di diamante della rassegna ovicaprina, contraltare perfetto della Rassegna “Muu” alla festa della Addolorata, dedicato ai bovini. Quest’anno la Fiera, discendente diretta della tradizionale Festa di Santa Caterina, osa e raddoppia, proponendo una due-giorni fittissima di offerte e opportunità per approfondire il mondo della produzione agricola di montagna. Una vetrina importante per chi ancora popola le valli e i paesi ad alta quota e un’occasione per tutti, per scoprire cosa c’è dietro a una bottiglia di latte fresco, a una forma di toma. È il formaggio d’alta montagna il prodotto principe di questa rassegna, un’eccellenza che sintetizza anni di tradizione e lavoro. “Bee” racconta tutto questo, in tutte le sue sfaccettature, dall’allevamento degli animali alla tavola, con un ampio spazio dedicato alla degustazione e alla cucina. L’edizione 2019 si presenta con le migliori premesse possibili, in termini di numeri e di offerta, come conferma l’assessore alle manifestazioni Michele Pianetta: «Siamo chiaramente legati al meteo, vedremo se sarà favorevole, ma questa senza dubbio è l’occasione più importante da quando organizziamo questa manifestazione: ci mettiamo in gioco raddoppiando l’offerta. In termini di adesioni abbiamo avuto ottimi riscontri, siamo soddisfatti: riusciamo a coprire sia via Roma che via XX Settembre e almeno il primo tratto di corso Marconi per due giornate. Abbiamo avuto almeno il 20% di adesioni in più rispetto all’anno scorso e questo senza dubbio è un segnale positivo. Anche la Rassegna ovicaprina registra un netto incremento di animali in più, faremo numeri importanti anche in questo senso».

SABATO 16 NOVEMBRE. FORMAGGI IN GROTTA, PREMIO BEE, MEETING BEE LAB

La lunga giornata di sabato si apre al mattino, con il primo dei tanti appuntamenti dedicati ai più piccoli: il laboratorio per bambini “Cognitive dog” presso la Biblioteca civica Gallo-Orsi. Alle 10 presso la struttura coperta in piazza della Rimembranza si terrà l’incontro Meeting Bee Lab, organizzato in collaborazione con AgenForm e la Condotta Slow Food Monregalese: tavole rotonde sui grandi temi dell’agroalimentare, un incontro di approfondimento con addetti ai lavori ed esperti del settore. Alla stessa ora sarà aperta la 20ª Rassegna della pecora frabosana-roaschina e delle razze ovicaprine, sempre in piazza della Rimembranza. Alle 12.30 salirà in cattedra Paolo Sappa, che terrà il primo show culinario del weekend. Alle 15 il prestigioso appuntamento della visita con degustazione dei “formaggi in grotta” presso la grotta dei Dossi. Alle 15 si terrà il mercato del gusto Slow Food, una passeggiata tra le eccellenze in corso Marconi, via Roma e via XX Settembre, oltre allo spazio sostenibile Confcommercio in via Eula. La cerimonia ufficiale di inaugurazione si terrà alle 15.30, in piazza Filippi. Alla stessa ora, nella tensostruttura in piazza della Rimembranza, i laboratori per bambini "My Honey" e "Mani in pasta". Alle 17.30 sarà consegnato il 1º Premio Bee, a Matteo della Bordella. Alle 18 in piazza Filippi l’appuntamento con “Mangiare in piazza”. Gran finale alle 22 con il Dj set “The House of Sound” ancora nella struttura coperta di piazza Filippi