In primavera via ai lavori per le due nuove rotonde sulla Fondovalle?

La Provincia ha approvato i progetti definitivi. 700 mila euro, per rendere più sicuro un tratto di strada molto trafficato, teatro in passato di gravi incidenti

Il pericoloso incrocio davanti all'ex stazione di Carrù

In primavera via ai lavori per le due nuove rotonde sulla Fondovalle? Finalmente ci siamo. La Provincia di Cuneo nei giorni scorsi ha approvato i progetti definitivi per la realizzazione delle due nuove rotatorie sulla Fondovalle Tanaro, che sostituiranno l’incrocio davanti all’ex stazione, nel Comune di Carrù, e l’incrocio alla base della salita del Tuma, nel Comune di Clavesana. Due progetti importanti, sia dal punto di vista della sicurezza (quel particolare tratto di strada è stato teatro, in passato, di incidenti anche molto gravi e mortali), sia dal punto di vista dello “sforzo economico”. Si parla infatti di un investimento totale di 700 mila euro: 400 mila per la rotatoria in territorio carrucese e 300 mila per quella di Clavesana. I soldi erano già stati stanziati qualche mese fa, in occasione dell’inserimento dei progetti nel “maxi-piano” per la sicurezza sulle strade, varato dalla Provincia, ora però si è arrivati alle battute finali dell’iter burocratico. Con l’approvazione dei due progetti definitivi infatti si dà il via, di fatto, alla fase esecutiva. Per ora non sono ancora stati comunicati i tempi di realizzazione, ma è verosimile pensare che almeno uno dei cantieri possa aprire i battenti la prossima primavera. Per non creare troppi disagi alla circolazione, in un punto strategico di collegamento tra il Monregalese e la Langa, sempre molto trafficato, in occasione della costruzione delle rotatorie, probabilmente la strada non verrà interamente chiusa, ma verrà istituito il transito alternato.

In primavera via ai lavori per le due nuove rotonde sulla Fondovalle?

Ex stazione: iter “travagliato” e abbattimento dei capannoni
Se il percorso che ha portato al via libera per la rotatoria del “Tuma” è stato piuttosto semplice e lineare, diversa è invece la situazione per l’incrocio della ex stazione di Carrù. La realizzazione della rotonda in quel punto infatti era subordinata ad un preventivo ampliamento del sito interessato. Per questo motivo, durante l’estate sono stati abbattuti alcuni degli ex capannoni militari a fianco della strada. Per accelerare i tempi, il Comune di Carrù aveva acconsentito a contribuire alle spese di abbattimento. In futuro, quando la rotatoria sarà realtà, nell’area dei capannoni dovrebbe sorgere un nuova zona artigianale. In questa direzione, già qualche mese fa, l’Amministrazione del sindaco Stefania Ieriti aveva avviato i contatti con i referenti di zona di Confartigianato.

In primavera via ai lavori per le due nuove rotonde sulla Fondovalle?

VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI
Sì, voglio le top news gratis ogni settimana - ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - CLICCA QUI