Beata Paola di Bene Vagienna: le scene del film si girano sul “Canal Grande” a Venezia

Tra Natale e capodanno il regista Giancarlo Baudena e la sua troupe saranno al lavoro nella “Serenissima”, dove è ancora visibile lo stemma di famiglia della nobildonna, a “Palazzo Gambara”

Lorenza De Magistris e Fabrizio Di Matteo nei panni della beata Paola e del conte, durante le riprese del film

Procedono a ritmo spedito le riprese del film sulla beata Paola Gambara Costa, amatissima Signora di Bene Vagienna. Il progetto, iniziato nei primi mesi del 2019 e diretto dal regista chiusano Giancarlo Baudena, dopo tanto lavoro, sta entrando adesso nella sua fase conclusiva. Dopo le riprese realizzate dalla troupe due domeniche fa nel fossato, nei giardini e nei locali interni del castello Costa di Bene Vagienna, il regista ci ha raccontato quali saranno i suoi prossimi impegni. «Queste settimane saranno intensissime di lavoro – spiega Baudena –. Le riprese ci portano a lavorare addirittura in sei Regioni italiane e vogliamo ultimare il lavoro nel minor tempo possibile, in modo da poter presentare il film possibilmente verso la metà di febbraio. I primi impegni ora sono fissati a Venezia, tra Natale e capodanno. In quei giorni infatti gireremo alcune scene sul “Canal Grande”, dove ancora oggi c’è lo stemma originale della famiglia dei Gambara, che raffigura un particolare gambero. Dopo gli impegni veneziani, torneremo a Bene Vagienna, per alcune riprese durante la rievocazione storica della vita della beata, che ogni anno si tiene nel fossato del castello in occasione della festa patronale. Una volta ultimata questa fase – aggiunge Baudena –, andremo nel Bresciano, a Verolanuova, paese d’origine della beata. Con me verranno Lorenza De Magistris, la protagonista, che interpreta la beata Paola “da grande”, Fabrizio Di Matteo, nei panni del conte Ludovico Costa ed Elena, una giovanissima benese di appena 12 anni, che vestirà i panni della beata Paola “bambina”, durante le fasi della sua infanzia a Verolanuova».

Palazzo Gambara, sul "Canal Grande"

A Palazzo Gambara, il gambero simbolo della famiglia
A Venezia, affacciato sul “Canal Grande” ancora oggi è visibile “Palazzo Mocenigo Gambara”, storica dimora nel sestiere di Dorsoduro, tra i Palazzi Contarini degli Scrigni e Corfù e Palazzo Querini alla Carità, poco distante dalle Gallerie dell'Accademia e di fronte a Palazzo Giustinian Lolin. L’edificio, dopo il matrimonio tra Francesco Mocenigo ed Eleonora Gambara, passò ai Gambara alla fine del ‘600. Oggi è di proprietà dell'Associazione degli Industriali di Venezia ed è sede congressuale.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Politecnico, ieri il rettore nella sede di Mondovì – L’INTERVENTO IN CONSIGLIO

Al pomeriggio la visita nella sede universitaria monregalese, la sera la relazione in Consiglio. «Una sede notevole - commenta il rettore, prof. Corgnati -, su cui sicuramente ha senso investire». Qui il video dell'intervento in...

Vicoforte: addio all’ex maestra Annina Strocco

A Vicoforte sono in tanti a ricordarla con affetto, a sentire un debito di riconoscenza nei suoi confronti. Annina Strocco, detta anche Nina, è stata una delle storiche maestre del paese: aveva insegnato a...

Due anni di guerra: dagli ucraini un grazie agli amici di Ceva

Sono passati due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, e anche Ceva all’epoca si adoperò fattivamente per l’accoglienza e per agevolare le pratiche per far giungere in città parenti e amici in fuga dai...
A Mondovì crescono le famiglie aiutate dalla Caritas

A Mondovì crescono le famiglie aiutate dalla Caritas e per metà sono italiane

A Mondovì crescono le famiglie aiutate dalla Caritas e per metà sono italiane. A Mondovì il braccio operativo della Caritas diocesana è rappresentato dall’Associazione “Amici della Cittadella” che conta un numero elevato (oltre duecento)...