Il presepe vivente di Prea scelto da “Italive” tra gli eventi italiani

Il presepe vivente di Prea, frazione di Roccaforte Mondovì, è stato incluso nel progetto "Italive". Si tratta di un'iniziativa di Comitas e ConsumerLab – Future Respect, con il sostegno di Autostrade per l’Italia e la collaborazione di Coldiretti, per offrire agli automobilisti informazioni (via web – www.italive.it e app mobile) sulle attività che animano il territorio italiano, per garantire esperienze di viaggio originali e coinvolgenti e promuovere il turismo di qualità valorizzando lo straordinario patrimonio di ambiente e paesaggio, arte, cultura, tradizioni popolari ed agroalimentari del nostro Paese.

Il Premio ITALIVE 2018 è stato patrocinato dal MiBAC – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

A questo indirizzo (CLICCA QUI) è anche possibile votare il presepe vivente di Prea. Il sindaco di Roccaforte, Paolo Bongiovanni, ha anche diffuso un appello via Facebook: «Il Presepe Vivente di Prea è stato scelto da Italive, progetto patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Visitate la pagina e cliccate sulle stelline per votare il Presepe vivente di Prea!!!».

CLICCA QUI PER SCOPRIRE TTTI I PRESEPI VIVENTI DEL MONREGALESE

IL PRESEPE DI PREA
Nelle serate del 24, 26 dicembre e del 5 gennaio tutta la comunità si riunisce per collaborare e creare questa magica manifestazione, che ormai ha superato i trent’anni di storia e coinvolge 250 figuranti, con ben 50 volontari che si occupano del parcheggio, della guida delle navette gratuite messe a disposizione dell’organizzazione e della sicurezza dell’evento. Nelle cantine, nelle vie e nei crocicchi della borgata è possibile immergersi nell’atmosfera di una volta, vedere come venivano praticati i mestieri artigianali più antichi, oggi in molti casi in disuso, oppure profondamente modificati dalla tecnologia.

Tra le novità di quest’anno, oltre ai mestieri e alle scene che erano già presenti nelle scorse edizioni, ci sarà una nuova capanna, dove rappresenteremo la lavorazione del cuoio» spiega il presidente del Circolo Acli “Amici di Prea”, Gianmarco Allegro. «La Sacra Famiglia sarà interpretata da Lorenzo Mamino, Stefania Cerri e dalla piccola Lucia Mamino». Al termine del percorso, ai visitatori saranno offerti vin brulè e cioccolata calda. Le serate incominciano alle 20.30.

La prima edizione del presepe di Prea risale addirittura al 1982. Adriana Basso, che ha partecipato dalle prime edizioni alla manifestazione e collabora ancora oggi interpretando la filatrice, ricorda ancora bene le circostanze che portarono a crearla: «E’ incominciato tutto nel 1982. Inizialmente era un vero e proprio Presepe, i figuranti si vestivano come gli arabi, secondo l’ambientazione dei Vangeli. Poi dopo 3 o 4 anni gli organizzatori hanno iniziato a pensare che sarebbe stato più bello e più autentico ambientarlo nel nostro contesto, riprendendo tradizioni e mestieri di una volta. In quegli anni, spesso coloro che facevano i figuranti erano gli artigiani stessi, che mettevano in scena il mestiere che davvero avevano svolto per tanti anni. Le prime edizioni del presepe di solito coinvolgevano 100-150 persone». L’idea del Presepe vivente fu una spontanea evoluzione della tradizione legata alla Messa di mezzanotte. «Già alla fine degli anni Settanta – racconta ancora Adriana – c’era la tradizione, aspettando la Messa di mezzanotte con i doni a Gesù e costumi particolari. Si è un po’ sviluppato tutto da lì. All’epoca l’unico altro Presepe vivente molto rinomato era il Presepe delle Langhe, quello di Dogliani». Adriana conclude sottolineando come il Presepe rappresenti ancora oggi un orgoglio e una ricchezza per la comunità che lo realizza: «È una manifestazione che aiuta il paese a sentirsi unito: partecipiamo tutti, giovani, bambini, anziani, ognuno con il suo ruolo per realizzare questa rappresentazione». Il biglietto di ingresso ha il costo di 6 euro (i bambini fino a 10 anni entrano gratis). Per informazioni è possibile chiamare lo 0174 65 196 o contattare Gianmarco al 339 755 8866. È possibile inoltre scrivere all’indirizzo circoloacliamicidiprea@gmail.com o seguire la pagina facebook Circolo Acli Amici di Prea.