le classiFICHE del decennio 2010-2019

Gli anni '10 suonano e cantano (T)rap?

Iosonouncane e Daft Punk i migliori artisti
Childish Gambino e Massimo Volume, lasciano ai posteri i migliori brani

Commistione, è il termine al potere

Come verranno ricordati gli anni '10 di questo primo secolo di millennio? Lo sguardo di chi scrive non è certo dei più asettici, e poco incline alle mode di passaggio. Si è provato tuttavia a tracciare una linea travalicasse il luogo comune dedicato alla (T)rap, ma ne tenesse comunque in considerazione il variegato mondo che si è portato con sé. Il genere a noi è arrivato – come spesso accade – tardi rispetto ad altri paesi: l'Italia, da sempre, è luogo attento all'esterno, ma altrettanto ripiegato su sé stesso. I volti nuovi del mainstream provengono, chi più (Achille Lauro e Ghali) o e chi meno (Salmo), da questo “nuovo mondo”, in Italia così come tra gli stranieri.

Nel formulare la Top5 non ci sono stati grossi intoppi, scivolata liscia. Birthhh la scoperta più interessante e radiosa, gli Iori's Eyes invece un esperimento dalla vita artistica troppo breve. Die di Jacopo Incani, conosciuto meglio sotto lo pseudonimo di Iosonouncane, è in assoluto il disco migliore che si sia ascoltato in questo decennio, perchè porta alla perfezione il progetto di commistione tra generi che questi anni '10 in fondo rappresentano. La parola trova col rap la sua forma di espressione più popolare, le novità si sfogano nell'elettronica, ma i piedi sono ben radicati nella tradizione. Quello che rende Die una summa in sostanza è il suo essere di contatto con il futuro, da una parte, e dall'altra il legame con il passato.

Se Iosonouncane non avesse creato da un punto di vista creativo una novità così forte, la palma del migliore sarebbe stata affidata indubbiamente a due album di rock puro, come quelli dei Massimo Volume e dei Verdena.

Detto questo, Le Nostre Ore Contate è un brano di bellezza rara, per come racconta l'oggi, la caducità della vita, la speranza e la rassegnazione, l'uomo nella sua concezione più piena.

Difficile spiegare come un disco come Mondo Cane, che in realtà è un'ottima re-intepretazione di canzoni italiane passate, meriti una posizione così alta: il consiglio più ovvio è quello di cimentarsi nell'ascolto e ritrovare vecchi brani ancora attuali.

La TOP 100 dei Dischi Italiani

1) Iosonouncane "Die" (2015) Alt. Folk
2) Massimo Volume "Cattive Abitudini" (2010) Alt. Rock
3) Verdena "Wow" (2011) Alt. Rock
4) Mike Patton "Mondo Cane" (2010) Alt. Pop

5) Iori's Eyes "Double Soul" (2012) Elettronica

6) Birthh "Born in the Woods" (2016) Alt. Pop

7) Colapesce "Un Meraviglioso Declino" (2012) Cantautorale

8) Motta "La Fine dei Vent'Anni" (2016) Cantautorale

9) Cosmo "L'Ultima Festa" (2016) Alt. Pop

10) Niccolò Fabi "Una somma di piccole cose" (2016) Cantautorale

11) Ghali "Album" (2017) Trap
12) Dunk "Dunk" (2018) Alt. Rock
13) Brunori sas "Volume 2 Poveri Cristi” (2011) Cantautorale
14) Edda "Graziosa Utopia" (2017) Cantautorale
15) I Hate My Village "I Hate My Village" (2019) Alt. Rock
16) C'mon Tigre "Racines" (2019) Alt. Jazz
17) Dente "Io tra di noi" (2011) Cantautorale
18) Giorgio Poi "Fa Niente" (2017) Cantautorale
19) Andrea Laszlo De Simone "Uomo Donna" (2017) Cantautorale
20) Emidio Clementi & Corrado Nuccini "Notturno Americano" (2015) Cantautorale
21) Manuel Volpe & Rhabdomantic Orchestra "Albore" (2016) Alt. Jazz
22) Iosonouncane "La Macarena su Roma" (2010) Alt. Folk
23) Riccardo Sinigallia "Per Tutti" (2014) Cantautorale
24) Fabi Silvestri Gazzè "Il Padrone della Festa" (2014) Cantautorale
25) Any Others "Two, Geography" (2018) Alt. Pop
C'mon Tigre – C'mon Tigre (2014)
Appino – Grande Racconto Anulare (2015)
Afterhours – Padania (2012)
Brunori sas – A casa tutto bene (2017)
Umberto Maria Giardini – Protestantesima (2015)
Willie Peyote – Sindrome di Tôret (2017)
Calcutta – Mainstream (2015)
Cosmo – Cosmotronic (2018)
i Cani – Il Sorprendente Album d'Esordio de I Cani (2011)
Clap! Clap! - Tayi Bebba (2014)
Colapesce – Egomostro (2015)
Ghemon – ORCHIdee (2014)
Massimo Volume – Il Nuotatore (2019)
Daniele Silvestri – S.C.O.T.C.H. (2011)
Yakamoto Kotzuga – Usually Nowhere (2015)
Aucan – Stelle Fisse (2015)
Carlot-ta – Make Me A Picture of the Sun (2011)
Paolo Benvegnù – Earth Hotel (2014)
the Zen Circus – La terza guerra mondiale (2016)
Populous – Night Safari (2014)
Salmo – Playlist (2018)
Nicolò Carnesi – Gli Eroi non Escono il sabato (2012)
Nu Guinea – Nuova Napoli (2018)
Maria Antonietta – Maria Antonietta (2012)
Management del Dolore Post Operatorio – Auff!! (2012)
Lo Stato Sociale – Turisti della democrazia (2012)
Frah Quintale – All You Can Eat (2013)
Foxhound – In Primavera (2014)
Appino – Il Testamento (2013)
Albedo – Lezioni di Anatomia (2013)
Caterina Barbieri – Patterns of Consciousness (2017)
Ginevra Di Marco – Canti, Richiami d'Amore (2011)
Pierpaolo Capovilla – Obtorto Collo (2014)
Motta – Vivere o Morire (2018)
Il Teatro degli Orrori - Il mondo nuovo (2012)
Nicolò Carnesi – Bellissima Noia (2016)
Todo Modo – Todo Modo (2015)
Renzo Rubino – Il Gelato dopo il Mare (2017)
Paletti – Qui e Ora (2015)
Veivecura – Tutto è Vanità (2012)
Vinicio Capossela – Rebetiko Gymnastas (2012)
Bunuel – A Resting Place for Strangers (2016)
Colombre – Pulviscolo (2017)
Be Forest – Cold (2011)
Sorge – La Guerra di Domani (2016)
Zu – Jhator (2017)
Bachi da Pietra – Quarzo (2010)
Bugo – Nuovi Rimedi per la Miopia (2011)
Calibro 35 – Decade (2018)
Dente - Almanacco del giorno prima (2014)
Dimartino - Sarebbe bello non lasciarsi mai, ma abbandonarsi ogni tanto è utile (2012)
Did – Bad Boys (2013)
Max Collini + Jukka Reverberi Spartiti – Servizio d'Ordine (2017)
the Zen Circus – Il fuoco in una stanza (2018)
Vinicio Capossela – Ballate per uomini e bestie (2019)
Afterhours – Folfiri o Folfox (2016)
Bud Spencer Blues Explosion – Vivi Muori Blues Ripeti (2018)
Iacampo – Valetudo (2012)
Colapesce – Infedele (2017)
Giardini di Mirò – Good Luck (2012)
Godblesscomputers – Plush and Safe (2015)
Daniele Silvestri – Acrobati (2016)
Dardust – Birth (2016)
Le Luci della Centrale Elettrica – Per Ora Noi La Chiameremo Felicità (2010)
Maria Antonietta – Sassi (2014)
Edda – Odio i Vivi (2012)
Ghemon – Aspetta un Minuto mixtape (2013)
Fabrizio Paterlini – the Art of Piano (2014)
WrongonYou – Rebirth (2018)
Gomma – Toska (2017)
Federico Albanese – the Blue Hour (2016)
Fabio Cinti – FQ Ep (2015)
Dino Fumaretto – Coma (2019)
Rachele Bastreghi – Marie (2015)
Thegiornalisti – Fuoricampo (2014)

Fuori dai confini di Alpi e del Mediterraneo la storia non si modifica di molto, lo è una riprova la palma del “miglior singolo” che va ad uno come Childish Gambino per la sua This Is America, autentico manifesto di un popolo e di una generazione. Pezzo davvero unico. Fuori da questo contesto gli artisti che in assoluto hanno segnato quest'epoca non possono che essere i Daft Punk. Random Access Memories è il disco che più di altri contrassegnerà gli anni '10, tutti hanno copiato e/o carpito qualcosa dal duo francese. Altre note di merito vanno all'addio di Bowie con un album che ha il simbolo impresso del testamento, così come invece in Sufjan Stevens si può inquadrare la figura di un artista che, si spera, possa ancora dire qualcosa di importante anche nel decennio a seguire visto quanto di buono lasciato ai posteri.

TOP 100 dei Dischi Stranieri

1) Daft Punk "Random Access Memories" (2013) Elettronica
2) Sufjan Stevens "Carrie & Lowell" (2015) Cantautorale

3) David Bowie "Blackstar" (2016) Cantautorale

4) Massive Attack "Heligoland" (2010) Trip-Hop

5) Jònsi "Go" (2010) Alt. Pop

6) LCD Soundsystem "American Dream" (2017) Alt. Pop
7) Four Tet "There is Love In You" (2010) Elettronica
8) Billie Eilish "When We All Fall Asleep, where do We Go" (2019) Alt. Pop
9) Nick Cave & the Bad Seeds "Ghosteen" (2019) Cantautorale
10) Neneh Cherry "Blank Project" (2014) Alt. Pop
Fiona Apple – the Idle Wheel is Wiser than... (2012)
the Black Keys – Brothers (2010)
King Krule – the OOZ (2017)
Nick Cave & the Bad Seeds – Skeleton Tree (2016)
Grimes – Art Angels (2015)
Alabama Shakes – Sound & Color (2015)
the Black Keys – El Camino (2011)
Mogwai – Les Revenants OST ()
the National – Trouble Will Find Me (2013)
Liars – WIXIW (2012)
Bon Iver – 22, A Million (2016)
PJ Harvey – Let England Shake (2011)
Michael Kiwanuka – Love & Hate (2016)
Alt-J – An Awesome Wave (2012)
Young Fathers – Cocoa Sugar (2018)
Anna Calvi – Hunter (2018)
!!! - Thr!!!er (2013)
Thom Yorke – Tomorrow's Modern Boxes (2014)
the Tallest Man on Earth – the Wild Hunt (2010)
Caribou – Swim (2010)
Kendrick Lamar - To Pimp a Butterfly (2015)
Loyle Carner – Yesterday's Gone (2017)
Bombino – Nomad (2013)
Colin Stetson – All I Do is for Glory (2017)
Black Mountain – IV (2016)
Grizzly Bear – Shields (2012)
Haushka – Salon des Amateurs (2011)
Jamie XX – In Colour (2015)
Jon Hopkins – Singularity (2018)
Mitski – Be the Cowboy (2018)
QotSA – ...Like Clockwork (2013)
Vampire Weekend - Father of the Bride (2019)
Woodkid – the Golden Age (2013)
Tinariwen – Elwan (2016)
David Bowie - the Next Day (2013)
Death Cab for Cutie – Codes & Keys (2011)
Deerhunter – Halcyon Digest (2010)
Devendra Banhart – Mala (2013)
Father John Misty – Fear Fun (2012)
Tool – Fear Inoculum (2019)
anderson .paak – Malibu (2016)
Boards of Canada – Tomorrow's Harvest (2013)
Bonobo – Migration (2017)
Default Genders - Main Pop Girl 2019 (2019)
David Lynch – Crazy Clown Time (2011)
Daughter – If You Leave (2013)
Damien Jurado – the Horizon just Laughed (2018)
Angel Olsen - All Mirrors (2019)
Adam Naas – the Love Album (2018)
Fatoumata Diawara – Fatou (2011)
FKA Twigs – MAGDALENE (2019)
Godspeed You! Black Emperor - Luciferian Towers (2017)
John Grant – Queen of Denmark (2010)
Matthew E. White – Big Inner (2013)
Blue Hawaii – Untogether (2013)
Fire! Orchestra – Enter (2014)
Devotchka – 100 Lovers (2011)
Ben Frost – A.U.R.O.R.A. (2014)
Slowdive – Slowdive (2017)
Sun Kil Moon - Benji (2014)
Radiohead – A Moon Shaped Pool (2016)
the National - I Am Easy To Find (2019)
the Dø - Both Ways Open Jaws (2011)
the Comet Is Coming - Trust In The Lifeforce Of The Deep Mystery (2019)
Stranger Things OST – Kyle Dixon & Michael Stein (2016)
Sleaford Mods – Divide and Exit (2014)
Daughters - You Won't Get What You Want (2018)
Arctic Monkeys – AM (2013)
My Brightest Diamond – I Had Grown Wild (2015)
Nils Frahm – Screws (2012)
Public Service Broadcasting – the Race for Space (2015)
Radical Face – the Family Tree presents ''the Roots'' (2012)
Rokia Traoré – Ne so (2016)
Shame - Songs of Praise (2018)
Swans – the Seer (2012)
the Chemical Brothers - No Geography (2019)
Tame Impala – Innerspeaker (2010)
Hiatus Kaiyote – Choose Your Weapon (2015)
the Irrepressibles – Nude (2013)
Goat – Requiem (2016)
the Magnetic North – Orkney Symphony of the Magnetic North (2012)
TUNNG – This is Tunng (2011)
Viet Cong – Viet Cong (2015)
the Soft Moon – Deeper (2015)
Warpaint – Warpaint (2014)
Youth Lagoon – Wondrous Bughouse (2013)
FKA Twigs – LP1 (2014)
John Talabot - ƒin (2012)
Lorde – Pure Heroin (2013)
Anohni – Hopelessness (2016)

Qui i singoli, stranieri e italiani messi in playlist su Spotify

E la Provincia Meccanica?

Per quanto piccolo e striminzito, in fondo ad un long drink così denso, va dedicato anche alla musica nostrana, vista la produzione che ha regalato questo decennio e vista la sua vivacità. Molte delle esperienze che contano anche lavori assai interessanti dal punto di vista qualitativo purtroppo non hanno avuto vita assai lunga, oppure hanno concluso nei primi anni del decennio la propria parabola, altri invece continuano con passione ed abnegazione a coltivare la propria passione.

In provincia è assai difficile trasformare la musica in un lavoro, ed a tempo pieno, chi ha fatto questa scelta ha dovuto scegliere lidi europei (Germania) dove è più facile vivere di arte. Nel Belpaese - ahinoi - questo è assai difficile, sebbene qualche sporadico episodio di tanto in tanto compare.

Se c'è però una cosa che lascia questo decennio è il marchio che qualcosa si muove e che la musica può essere, anche se in modo autoprodotto, di altissima qualità.

Negli anni la qualità di chi suona non è certo diminuita, al contrario, anche i lavori considerati più "ruspanti" sono il frutto spesso di un lavoro attento di produzione.

Chissà che del nuovo decennio che sta per cominciare si potranno raccontare, oltre a questi numeri anche la ripresa dell'attenzione da parte di un pubblico. Ecco, il pubblico. Quello ancora latita

TOP 20 degli anni '10 nella Provincia Meccanica

1 Kippi's – Semplice come Nuvole (2014)
2 W/Him – See Closing Eyes (2017)
3 Tweeedo - We All Think We're Good People (2018)
4 Diverba – Per Chi Tace (2012)
5 Duo Bottasso & SIMS - Biserta e Altre Storie (2018)
6 Dead Man's Miracle – Fables (2013)
7 Matteo Castellano – Ezio (2011)
8 La Moncada – Torino Sommersa (2011)
9 La Macabra Moka – Ammazzacaffè (2014)
10 Anudo – Zeen (2016)
11 Roncea – Eight pt.1 (2014)
12 Umaan – Umaan (2017)
13 Space Paranoids – the Eternal Rambler (2015)
14 Lamalora – Sulfurea (2015)
15 Movion – Movion (2018)
16 Cani Sciorrì – Parte II (2017)
17 Zanzanu - Ortopedia morale per i ceti popolari (2018)
18 La Macabra Moka – Tubo Catodico (2018)
19 Roncea – Nicolas Roncea & the Money Trees (2016)
20 Mambo Melon - Metro Jungle (2015)

Best Songs degli anni '10 nella Provincia Meccanica

Una Sola Veste, Umaaan da “Umaaan” (2017)

In Luminol, Diverba da “Per Chi Tace” (2012)

One Step, Roncea da “Old Toys” (2012)

Noia Bara, Kippi's da “Semplice Come Nuvole” (2014)

L'Acqua Spacca i Ponti, Matteo Castellano da “Ezio” (2011)