A Rocca Cigliè c’è un forno per tutti: per fare il pane come una volta

L’Associazione “Amici del forno” ha rimesso in funzione lo storico forno comunitario di Renzo Boasso. Il sindaco: «Così rivivono le antiche tradizioni»

Il caseggiato che ospita, al piano terra, l'antico forno di Rocca Cigliè

Un tempo, fino a non troppi anni fa, era usanza diffusa, specialmente nelle borgate e nei paesini più piccoli delle nostre valli, l’utilizzo del “forno comunitario”, per cuocere il pane. Quasi ogni località aveva il suo antico forno in mattoni, con la tipica “bocca stretta”, che almeno un paio di volte al mese veniva “scaldato” e poi utilizzato, a turno, dalle famiglie del posto. Visto che per arrivare alla temperatura giusta era necessario utilizzare parecchia legna, accendendo il fuoco addirittura la sera prima, il forno rimaneva in funzione anche per un giorno intero o più. Coloro che volevano fare il pane arrivavano sul posto con la pasta già lievitata e iniziavano la cottura, a turno. Una cassa di legna per mantenere il fuoco vivo e qualche pagnotta appena sfornata, erano il “costo” per l’utilizzo del forno, normalmente di proprietà di un privato, il quale però lo metteva volentieri a disposizione della comunità. Questa usanza oggi, per svariati motivi, è andata via via scomparendo. Le famiglie hanno poco tempo, i ritmi di vita sono aumentati ed è indubbiamente più comodo comprare il pane direttamente in panetteria. La tradizione del forno comunitario però, qua e là, resiste, specialmente nelle piccole realtà di Langa, grazie alle iniziative di Associazioni e cittadini appassionati delle “cose di un tempo”. È il caso di Rocca Cigliè, dove il sindaco Luigi Ferrua, circa tre anni fa ha rimesso in funzione lo storico forno della panetteria del paese, in via Roma. È nata così l’Associazione “Amici del forno”, che gestisce il forno privato in comodato d’uso gratuito, nei locali vicini a quello che una volta era il negozio del paese, chiuso dal 1986. «Lo spopolamento delle campagne e delle nostre terre, unito al nuovo stile di vita delle famiglie, rischiavano di far scomparire una tradizione importante – spiega Ferrua –. Per questo motivo abbiamo fondato l’Associazione, raccogliendo l’eredità dell’ultimo “custode del forno”, Renzo Boasso, classe 1924. I volontari accendono e tengono pulito il forno, occupandosi anche di piccoli interventi di manutenzione. Qui tutti possono venire a fare il pane. Attualmente sono una decina le famiglie che mantengono viva l’usanza. Ci piacerebbe che questa antica tradizione venisse sempre più conosciuta e valorizzata. In futuro proporremo ai turisti che soggiorneranno qui di fare il pane insieme, per provare un’esperienza nuova e antica allo stesso tempo». Proprio per promuovere l’attività degli “Amici del forno”, ogni anno, in estate, si organizza una cena aperta a tutti, dove si mangiano pane, pizze e focacce cotte nel forno comunitario. Un modo “gustoso” per far conoscere questa bella realtà e magari raccogliere nuove adesioni da parte delle famiglie. L’anno scorso era anche stato organizzato un corso di panificazione di base con un panettiere professionista, che aveva insegnato ai partecipanti come infornare il pane disponendolo sulla lunga e piatta bacchetta di legno, per farlo entrare dalla stretta “bocca” d’ingresso, senza rovesciarlo. Un’arte quasi dimenticata, che ora torna a vivere.

La festa al forno, nell'estate del 2019. Una grande cena con pane, pizze e focacce, per far conoscere le attività dell'Associazione

Infornare con la bacchetta, senza rovesciare i grissini
Cuocere il pane negli antichi forni di Langa non è cosa per tutti. I grissini vengono infatti disposti in equilibrio su una lunga bacchetta di legno e scaricati nel forno dopo essere passati per la stretta “bocca” d’ingresso. Questa delicata operazione richiede grande esperienza e manualità

santa lucia visite villanova

Al Santuario di Santa Lucia di Villanova M.vì continua il successo delle visite guidate

Domenica 7 luglio il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì sarà aperto al pubblico con visite guidate al pomeriggio (dalle ore 14.30 alle 17 con servizio navetta). La riapertura durante le prime domeniche...

CONTEST Y: vince la cantante Clay

La sua voce ha incantato tutti. Clay, cantante di 28 anni di Bastia Mondovì, con le cover "Sober" e "If I were a boy", ha vinto il primo Contest Y di Mondovì. Quattro serate...

Una realtà da scoprire: il Centro diurno Nucci Banfi “apre” ai doglianesi

Piacevole e interessante serata all'insegna dell'amicizia e del "senso di comunità", mercoledì 24 luglio, nel borgo antico di Castello, a Dogliani. Il Centro diurno Nucci Banfi, realtà ormai ben radicata nel tessuto sociale doglianese,...

Addio a suor Antoniangela, storica maestra negli Asili di Bastia e Carassone

Le comunità di Mondovì, Bastia e Santa Maria Rocca, piangono la scomparsa di suor Antoniangela, Domenicana presso il convento di Carassone, classe 1934, al secolo Michelina Cugusi. Originaria della Sardegna, per tanti anni insegnante...

“Comitato del no”: i consiglieri comunali neoeletti escono dal direttivo

Cambia l'assetto del Comitato "Clavesana dice no allo stoccaggio di rifiuti pericolosi", nato tempo fa dall'unione di cittadini, imprese e Associazioni del territorio, per opporsi al progetto presentato dalla Cement Srl e riguardante un...
Trelilu spettacolo Nigella Niella

A Niella Tanaro spettacolo dei Trelilu per la Nigella

“Mai a basta” è lo spettacolo dei Trelilu che si terrà mercoledì 31 luglio alle ore 21 al castello di Niella Tanaro, per la Nigella, ad ingresso libero. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Nigella ODV...