Decameron 51/Guida per un isolamento attivo e stimolante

In un moderno racconto dei racconti, tra Chaucer e Boccaccio, riscopriamo storie, autori e forme artistiche della modernità

Dieci ragazzi, sette donne e tre uomini chiusi in una villa di campagna, per una decina di giorni, per sfuggire all’epidemia di peste che imperversò a Firenze a metà del Trecento. Per ingannare il tempo, si raccontano delle storie a vicenda. Per variare e rendere più interessante il gioco, si danno un tema, ogni giorno, a cui attenersi. È la cornice di una delle più famose raccolte di racconti della storia della letteratura, una delle perle del nostro Trecento. Il Decameron di Giovanni Boccaccio parte da una premessa in cui, del tutto inaspettatamente, siamo arrivati a identificarci completamente. Chiusi nelle nostre case, per cercare di sfuggire alle insidie del Coronavirus. L’isolamento è relativo grazie ai potenti mezzi di comunicazione di cui disponiamo, e anche l’intrattenimento che abbiamo a disposizione è molto più vario. La suggestione di questo ponte attraverso i secoli ha suggestionato noi del Culture Club 51. Così abbiamo pensato di invitare i lettori a partecipare a questo ritiro allargato, riproponendo il gioco di allora in una versione più moderna. Sono cambiate le storie, i mezzi e i modi di raccontarle: ed ecco che noi, ciascuno nel proprio ambito di competenza, consigliamo, a seconda dei temi, libri, fumetti, dischi, pellicole, meglio se sono liberamente reperibili nell’oceano di risorse del web. Idee per trascorrere in modo divertente e utile queste giornate appartate dal mondo. Abbiamo pensato di gettare un ponte non solo tra antichi e moderni, ma anche tra due capolavori dello stesso genere: ed ecco che, richiamando ai Racconti di Canterbury di Geoffrey Chaucer, entrano in gioco i ruoli del fumettista, del cinefilo, del libraio, del musicista. Nel segno di questo abbraccio non si può non ricordare Pier Paolo Pasolini, che già accostò le due raccolte trasponendole entrambe in due capolavori del nostro cinema.

Decameron 51 - Giorno 1

Tema Libero

-Decluttering e Miyazaki - Lorenzo Barberis

-Pellegrinaggio letterario - Marika Mangini

-Luis Bunuel e il cinema surrealista - Giovanni Rizzi

-Lasciatemi cantare - Viter Luna

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Ritrovato a Sale San Giovanni il 27enne scomparso da Torino

Si sono concluse le operazioni di ricerca nei boschi di Sale San Giovanni, scattate dall'ora di pranzo, a seguito dell'avvistamento di un 27enne allontanatosi il 30 maggio scorso dalla struttura presso cui era ricoverato...

Bye bye Barocco, a Mondovì a luglio arriva Andy Warhol

Addio Barocco, welcome Pop Art. Ladies and gentlemen, a Mondovì dopo il Caravaggio arriva Andy Warhol: l’ex chiesa di Santo Stefano si prepara a staccare i quadri dei maestri della luce e ad ospitare...

Addio al tenente Diego Bonavera: fu carabiniere a Frabosa e Mondovì

L’Arma dei Carabinieri piange la scomparsa del tenente Diego Bonavera. È scomparso questa mattina all’ospedale “Policlinico di Monza” di Alessandria, a seguito di una malore. Aveva solo 45 anni ed era conosciuto e apprezzato...
rifugio serre di oncino

Al Rifugio Serre di Oncino la “cucina piemontese delle origini”

Abbiamo intervistato Riccardo Ferraris, gestore del Rifugio Serre di Oncino, in valle Po, inaugurato da pochi giorni. Con la famiglia gestisce anche il ristorante “La Raviola Galante” a Scurzolengo (AT), dove si propongono piatti...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...