“Fase 2” in Europa: per ripartire, decisioni molto diverse da un Paese all’altro

In Francia dall'11 maggio riapriranno le scuole, in Spagna si torna a lavorare negli uffici, in fabbrica e nei cantieri. Via libera in Austria a parchi e negozi

In Austria, subito dopo la riapertura, sono stati presi d'assalto i negozi di "fai da te"

Sulla cosiddetta “fase 2”, quella più delicata, in cui i Paesi programmano una progressiva riapertura di alcune attività, mentre si deve però convivere con il virus, non ancora sconfitto, la risposta dell’Europa è quanto mai diversificata. Ecco le decisioni assunte finora dai principali Governi dell'Ue.

A Parigi il presidente Macron ha prolungato il lockdown, ma a partire dall’11 maggio riapriranno progressivamente persino le scuole e gli asili. In Spagna, già da martedì 14 aprile, sono ripartite anche attività non essenziali. L’Austria addirittura va verso il via libera a parchi e negozi, mentre anche Danimarca, Norvegia e Repubblica Ceca allentano la presa. In Francia, le persone più a rischio proseguiranno l’isolamento oltre il 10 maggio, mentre gli altri potranno via via ricominciare a svolgere alcune attività. Chiuse fino a quella data le frontiere. Riprenderanno alcune attività produttive, ma per ora non è stato specificato nel dettaglio quali. In Spagna, nonostante la situazione resti di massima allerta, dal 14 aprile hanno comunque riaperto anche alcune attività non essenziali come uffici, edilizia e industria, ovviamente seguendo le più rigide precauzioni. Restano invece per ora chiusi scuole, cinema e teatri, ristoranti locali e bar. Il lockdown ufficialmente è stato prorogato fino al 10 maggio, ma con più attività aperte rispetto a Italia e Francia. In Germania il livello di contagio si sta mantenendo relativamente basso, dunque presto di potrebbero vedere le prime riaperture, con alcune prescrizioni: l’obbligo di mascherine sui mezzi di trasporto, autobus e treni; l’uso di una app volontaria per capire con chi un cittadino contagiato potrebbe essere entrato in contatto e la riapertura, per gradi, delle scuole. L’Austria, che aveva giocato d’anticipo chiudendo tutto il 15 marzo, quando nel Paese i casi erano pochissimi, annuncia una fase 2 abbastanza permissivista. Il 14 aprile hanno riaperto i negozi fino a 400 metri quadri di grandezza: tutti sono obbligati a usare le mascherine, come nei supermercati, e ogni cliente dovrà avere almeno 20 metri quadri di spazio a disposizione. Riaprono anche i giardini, ma gli ingressi sono scaglionati e controllati. Dal 1º maggio dovrebbero ripartire poi anche centri commerciali e parrucchieri, mentre ristoranti e hotel dovranno aspettare almeno fino almeno a metà maggio.

Scenari che, almeno per ora, in Italia appaiono ancora davvero lontani...

Musica, spettacoli, cinema all’aperto, circo, arte: a Mondovì un luglio pieno di cose da...

Abbiamo raccolto qui, in un'unica pagina, gli eventi in programma a luglio a Mondovì.: sarà un'estate decisamente ricca di appuntamenti con MoVì Festival, Piazza di Circo, i Doi Pass. Clicca su ogni articolo per i...

Mondovì, a luglio quattro serate di cinema all’aperto in piazza Maggiore

Torna il "Cinema sotto le stelle" a Mondovì Piazza: cinema all'aperto in piazza Maggiore, nel martedì 2, 9, 16 e 23 luglio. Un film ogni sera, a ingresso gratuito, a partire dalle 21.30 sul...

Frontale a Garessio sulla Statale 28, riaperta la strada

Poco prima delle 15,30, è stata riaperta al traffico la strada statale 28 del Colle di Nava. A causa di un incidente stradale, era stata chiusa nel primo pomeriggio, in entrambe le direzioni, a...

Crava vince il “Palio delle frazioni” di Rocca de’ Baldi

Al "Palio delle frazioni" di Rocca de' Baldi, dopo due settimane di gare, nella serata finale di sabato 22 giugno, trionfa la squadra di Crava. Vittoria al fotofinish per Crava, che centra il successo finale...

Il pellegrinaggio degli Alpini al Mindino

Una bella giornata di sole, sabato, ha fatto da scenario alla tradizionale passeggiata-pellegrinaggio alla croce del Monte Mindino da parte degli Alpini di Garessio. Il parroco don Giancarlo Canova, insieme a don Olesy Budziak,...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...