Vicoforte elegge il nuovo sindaco: le nostre interviste ai quattro candidati

Candidati a confronto: le interviste

Valter Roattino. Noi con voi per Vicoforte

Come è andata questa campagna elettorale? Quali sono gli spunti che i vicesi le hanno maggiormente sottoposto?
I nostri appuntamenti stanno andando bene, stiamo avendo una buona affluenza: le persone apprezzano che gli si dia l’opportunità di incontrare la lista e il sindaco. È vero che siamo in tanti, ma in questi incontri ho capito che la gente ha bisogno di un confronto, in cui illustrare il programma e ricevere domande e osservazioni. Alla fine individualmente è difficile avere una spiegazione complessiva, al massimo si può scambiare qualche input. Abbiamo ancora l’incontro a Moline e quello con i commercianti, intanto però ci sono già dei buoni spunti. Soprattutto nelle frazioni, i territori che si stanno spopolando ci chiedono di fare qualcosa per non far morire la frazione, qualche idea ce la siamo fatta, se toccherà a noi realizzarla.
Quali sono i punti prioritari del programma, e quelli che maggiormente lo caratterizzano rispetto a quello dei rivali?
La prima cosa sulla mia agenda è il miglioramento della sicurezza: analizzare e realizzare il progetto della videosorveglianza. Un percorso di 98.000 euro che porterà il paese a dotarsi di ben 27 telecamere, finanziato coi mutui. Considero prioritario anche l’acquisto della ex sede della Comunità montana, utile per l’Unione del Monte Regale, ma anche per Associazioni come Pro loco e Protezione civile. Vorrei inoltre riorganizzare e rivedere i servizi degli uffici comunali per renderli più agevoli e lavorare per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Lanceremo un progetto, La Matota, per il quale ci siamo ispirati a un progetto simile di un’altra Unione montana: in alcune zone del territorio, dove non ci sono più molti servizi o negozi, creare qualcosa per gli anziani di quei territori, che hanno difficoltà a muoversi e a fare la spesa o procurarsi dei farmaci.
Può indirizzare un appello finale al voto ai cittadini?
Vorrei dire questo ai vicesi: in questi anni ho affrontato, nel corso del mio mandato, alcune difficoltà anche a livello amministrativo. Gente che aveva idee diverse e che si è dimessa dopo aver concordato un programma. Credo di essere una persona umile e disposta all’ascolto. Penso che la gente abbia bisogno di un sindaco un po’ alla mano: queste mie caratteristiche di umiltà, onestà e trasparenza sono importanti e penso che i vicesi le abbiano toccate con mano.

Con Valter Roattino (anni 60, direttore Confagricoltura Mondovì) corrono Simona Avico (anni 44, commerciante); Giovanni Badino (anni 51, imprenditore agricolo), Romina Barattero (anni 45, commerciante), Roberto Botto, (di anni 38, architetto), Bruno Cavallo, (di anni 69, commerciante ed ex assessore comunale di Mondovì), Marzia Danna (di anni 19, studentessa di “Relazioni internazionali”), Pierluigi Mancardi, (di anni 58, pensionato, ex dipendente “Federal-Mogul”), Daniela Murazzano (di anni 49, casalinga), Guido Olivero (di anni 53, impiegato), Anna Pasquetti (di anni 20, studentessa di “Consulenza del lavoro e gestione delle risorse umane”), Lucia Polleri (di anni 43, artigiano), Eraldo  Prette (di anni 60, pensionato, ex dipendente provinciale e comunale).

Umberto Bonelli. Progetto in comune - Bonelli Sindaco

Come è andata questa campagna elettorale? Quali sono gli spunti che i vicesi le hanno maggiormente sottoposto?
È stata sicuramente una campagna elettorale diversa rispetto al passato: abbiamo preso per primi la decisione di non fare incontri, esclusivamente per tutelare la salute pubblica, nonostante sia penalizzante non poter esporre il nostro programma in modo completo. Al mercato stiamo ricevendo tanti spunti, anche il porta a porta sta funzionando: stiamo girando sul territorio, siamo presenti costantemente. La gente si avvicina, parla apertamente, con tranquillità. Sono venuti fuori tanti spunti, tante domande su cosa vorremmo fare… Anche osservazioni: troppe le quattro liste, per molti. Però si percepisce tanta partecipazione, voglia di lavorare per gli interessi del Comune. Ci chiedono di curare di più il decoro del paese, ci stimolano sul discorso dei problemi degli anziani e delle famiglie.
Quali sono i punti prioritari del programma, e quelli che maggiormente lo caratterizzano rispetto a quello dei rivali?
La differenza maggiore rispetto alle altre liste è che noi poniamo l’accento sulla partecipazione attiva rispetto ai cittadini. Tant’è che a riguardo il nostro programma propone il bilancio partecipato, come strumento per stimolare la partecipazione. Inizieremo a lavorare su tutto. Alcune priorità: realizzare la videosorveglianza e fare un questionario per comprendere i reali bisogni delle famiglie, indispensabile per programmare una valida offerta di servizi ed attività aggregative anche in vista del Natale. Stiamo lavorando su idee e proposte relative al rilancio del turismo, stiamo lavorando al progetto arredo urbano e per sistemare l’area verde sotto il Comune per farne un Belvedere. Entro dicembre pende la scadenza dello schema di bilancio 2021-2024, che ci consentirà di dare immediata attuazione al programma.
Può indirizzare un appello finale al voto ai cittadini?
Noi ci siamo, ci mettiamo l’impegno la volontà e il tempo necessario. L’entusiasmo di chi ha voglia di fare, di chi ama profondamente il proprio territorio. Noi ci siamo, ma questo non basta perché la nostra squadra potrà lavorare con efficacia solo se voi lo vorrete, amici vicesi. Abbiamo un progetto in comune con ognuno di voi.

La lista di Bonelli (56 anni, dipendente Ministero Economia/Finanze) comprende: Oscar Barel (62 anni, amministratore delegato), Andrea Beccaria (44 anni, pasticcere), Michele Berri (21 anni, operaio metalmeccanico), Gabriele Carazza (41 anni, avvocato), Elena Gonella (42 anni, coordinatore infermieristico AslCN1), Valter Maia (52 anni, addetto produzione), Mattia Marenco (46 anni, consulente di marketing e commerciale), Silvio Paluzzi (40 anni, R.S.P.P. - Project Engineer), Luca Pasquetti (47 anni, bancario), Daniela Pelazza (36 anni, infermiera distretto Mondovì - San Michele – Villanova presso AslCN1), Carla Tomatis (58 anni, commerciante e pittrice), Alessia Voena (21 anni, impiegata amministrativa/contabile).

Gian Pietro Gasco. Insieme per Vicoforte

Come è andata questa campagna elettorale? Quali sono gli spunti che i vicesi le hanno maggiormente sottoposto?
È stata sicuramente una campagna elettorale complessa, bisogna adottare particolari cautele nel parlare con le persone, è indispensabile tenere conto del discorso Covid 19 e salvaguardare la sicurezza di tutti con responsabilità. Un po’ tutte le liste stanno lavorando con il sistema porta a porta, del resto ci sono tanti candidati. L’anomalia più grande di questa campagna elettorale rispetto a quelle del passato è l’abbondanza di liste e di candidati. Nei nostri incontri con gli elettori abbiamo avuto molte conferme su cose che pensavano: i riscontri che abbiamo avuto sui punti del nostro programma ha definitivamente confermato la mia convinzione relativamente al molto lavoro da fare, se fossimo eletti.
Quali sono i punti prioritari del programma, e quelli che maggiormente lo caratterizzano rispetto a quello dei rivali?
Per prima cosa dare attenzione al mondo della scuola, che dovrà ripartire nonostante i pericoli derivanti dal Covid: famiglie, ragazzi, insegnanti, tutti sono in qualche modo coinvolti nella scuola. Per il resto, dico francamente quello che ho già dichiarato altrove. La seconda cosa da fare sarà valutare se i conti del Comune sono in ordine, quali sono le pratiche in sospeso e perché, e poi mettersi a programmare le attività a partire dal 2021. La mia proposta è caratterizzata da una garanzia di stabilità amministrativa, una compagine con cui si possa dialogare e solida, per evitare le contrapposizioni che in questi anni ci sono state con grave danno. È giusta la diversità di vedute, ma è fondamentale che ci sia una sintesi finale. Noi garantiamo il giusto amalgama tra competenza, esperienza e novità. Idee nuove sostenute da una solida esperienza
Può indirizzare un appello finale al voto ai cittadini?
La nostra lista si propone, ed io in primis, proprio per riprendere un percorso di stabilità amministrativa, vogliamo proporre una visione del futuro di Vicoforte che si concretizzi in opere.

In appoggio al candidato Gasco (64 anni, ex bancario oggi in pensione) la lista "Insieme per Vicoforte" include: Dario Basso (65 anni, artigiano), Gabriele Bovetti (46 anni,  dirigente d’azienda), Grazia Della Terza (58 anni, pensionata ed ex dirigente asl),
Lorenzo Fulcheri ( 21 anni, studente universitario), Sebastiano Massa  (73 anni,  pensionato ex insegnante), Barbara Nano (49 anni, psicologa), Pietro Nasi (45 anni, artigiano), Guido Picco (62 anni, commerciante), Valentina Pirotti (33 anni, insegnante), Chiara Ricci (20 anni, studentessa universitaria), Sergio Sciandra (54 anni,  operaio – scultore), Mario Viola (43 anni, dirigente d’azienda).

Corrado Ganzinelli. Vicofutura

Come è andata questa campagna elettorale? Quali sono gli spunti che i vicesi le hanno maggiormente sottoposto?
Considero il Comune di Vicoforte un Comune solo, per questo ho scelto, orgogliosamente, di parlare a tutto il territorio proponendo un unico appuntamento: inutile parlare di partecipazione, di Unione di Comuni se poi non si riesce a mettersi d’accordo nemmeno tra frazioni. Dico con orgoglio che quest’anno sono aiutato, anche psicologicamente, da una bella squadra. Secondo me, avremo un ottimo risultato. I temi toccati dalle persone nel corso dei nostri incontri non sono né più né meno che quelli toccati dal nostro programma, che è stato costruito proprio sulla base del sondaggio fatto alla popolazione e dai suggerimenti ricevuti dal sito, che sono stati tantissimi. Alcuni li abbiamo inseriti, altri li discuteremo a un successivo tavolo di lavoro.
Quali sono i punti prioritari del programma, e quelli che maggiormente lo caratterizzano rispetto a quello dei rivali?
Essenzialmente non c’è un programma iniziale: abbiamo incentrato tutto intorno alla Vico futura. Vicoforte è al centro di tutta la mia proposta e questo riguarda anche il programma, articolato in otto punti concatenati al doppio filo gli uni agli altri, come in un’ideale tavola rotonda in cui ogni argomento non è superiore agli altri ma soprattutto è collegato. Non ci sono priorità, nel senso che realizzare ogni argomento significa anche realizzare gli altri, di pari passo. I temi cardine sono la famiglia, il territorio e del resto sono i temi più sentiti, su cui tutti i programmi sono incentrati. La diversità della mia proposta sta nell’approccio: non do scalette, intendo portare avanti il programma in modo organico.
Può indirizzare un appello finale al voto ai cittadini?
La squadra e il sottoscritto si sono impegnati con il cuore e con la testa a presentare un programma e a lavorare per il territorio: chiedo ai cittadini di Vicoforte in egual misura di votare con il cuore e con la testa.

La lista di Corrado Ganzinelli (analista contabile, tecnico aziendale) comprende: Deborah Alfieri (insegnante); Sabina Brero (casalinga), Alessandro Briano (perito aeronautico), Sandra Bruno (pensionata), Faustino Candela (senior controller) Cristiana Manfredi (architetto), Silvio Pizzo (consulente del lavoro), Sergio Rossi (artigiano), Aurelio Rossini (ingegnere), Valter Sciandra (titolare di un esercizio commerciale) Annamaria Viara (assistente scolastica).

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Tre arresti per la banda del camper (a noleggio) dopo cinque furti nei negozi

Come anticipato, nella notte tra il 12 e 13 aprile, diversi esercizi pubblici di Ceva, Bastia Mondovì e Carrù erano stati “visitati” dai ladri, che si erano impossessati di alcuni telefoni cellulari e del...

È di Torre una delle “dieci donne che salvano la terra” per Slow Food...

Lunedì mattina a Torino, in occasione della Giornata mondiale della terra” si è tenuta la conferenza stampa dell’evento “10 donne che salvano la terra”, una delle iniziative organizzate da Slow Food Italia in vista...

Ernesto Billò con “La Resistenza dei giovanissimi” inaugura il 25 aprile a Carrù

Sarà la deputata cuneese e vicepresidente nazionale del Partito Democratico Chiara Gribaudo a tenere quest’anno l’orazione ufficiale a Carrù nell’ambito delle celebrazioni del 25 aprile. Invitata dalla sezione locale dell’Anpi e dal Comune, la...

Medico di base a Farigliano: la dott.ssa Apostolo prende servizio il 13 maggio

Dal 13 maggio prossimo la dottoressa Romina Apostolo si inserirà in qualità di medico nel ruolo unico di Assistenza Primaria a ciclo di scelta (Medico di Medicina di Medicina Generale) attualmente autolimitata a mille...
gruppo figli genitori separati

Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati

Diamo voce ai nostri figli! A Mondovì un Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati Lo studio “La Giraffa - Professionisti per la gestione del conflitto”, nell’ambito delle iniziative avviate, propone...