Chiusa Pesio: un “fondo” del Comune per sostenere le famiglie con figli disabili

Il sindaco Baudino: «Al ritorno a scuola, per i bimbi con bisogni educativi speciali ci sono molte spese che fino all’anno scorso non erano richieste. Basta compilare la domanda online»

Il Comune di Chiusa di Pesio, in virtù dell'emergenza sanitaria e su iniziativa della Giunta, ha istituito un plafond di 3 mila euro volto a favorire l’inclusione dei bambini e dei ragazzi del paese. Un’iniziativa resa possibile anche grazie alle donazioni effettuate nei mesi scorsi dai chiusani, quando l’Amministrazione aveva attivato un conto corrente dedicato all’emergenza sanitaria. «Questi ultimi mesi e la chiusura delle scuole, hanno messo a dura prova tutti noi, in particolare i bambini con disabilità e le loro famiglie – afferma il sindaco Claudio Baudino –. Parlando con una mamma, ci siamo accorti che non è finita: il ritorno a scuola e le misure volte a contrastare il Covid in alcuni casi pesano ulteriormente sui bambini con bisogni educativi speciali. Occorre, ad esempio, acquistare giochi appositi o far fronte ad alcune spese che fino all’anno scorso non erano richieste. Quindi, dopo aver aumentato il numero di ore dedicate all’assistenza alle autonomie da 45 a 50 rispetto allo scorso anno, nel minor tempo possibile abbiamo voluto istituire un fondo a cui i genitori con figli minorenni e con disabilità possono attingere. Il meccanismo è molto semplice: basta recarsi sul portale del Comune, compilare e inviare la richiesta, allegando le prova di spesa. Al termine del bando gli uffici contatteranno coloro che hanno diritto al contributo. Un piccolo gesto, nato dal dialogo con i cittadini e reso possibile anche grazie alla generosità dei benefattori chiusani che non smetterò mai di ringraziare e che speriamo possa essere d’aiuto».