Evade da Agliè, catturato a Cengio

19enne originario di Ivrea, evaso dalla abitazione della sorella dove era agli arresti domiciliari

I Carabinieri della Stazione di Cengio hanno arrestato N.F. 19enne originario di Ivrea, evaso dalla abitazione della sorella in Agliè (TO) dove era sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Il ragazzo, che a scapito della giovane età vanta un ampio trascorso delinquenziale fatto di reati in materia di droga, lesioni, incendio doloso, violenza e resistenza a P.U. ed altro, si era allontanato dalla abitazione intorno alla mezzanotte del 16 ottobre appropriandosi dell’autovettura della sorella; e giunto a Cuorgnè, dopo avere provocato un sinistro stradale con il veicolo di un istituto di vigilanza, si era dato alla fuga a piedi abbandonando il mezzo. Dall’una di notte se ne erano perse le tracce, ma il giovane è stato individuato alle ore 14:30 a Cengio dove era giunto in treno proveniente da Torino. Il ragazzo era stato segnalato da una passeggera del treno dopo che lo stesso aveva tenuto dei comportamenti a vago sfondo sessuale nei confronti di una 15enne che allarmata aveva reagito redarguendo il giovane e chiedendo aiuto prima che la situazione potesse degenerare. I Carabinieri prontamente giunti, hanno individuato il giovane che nel frattempo era sceso dal treno ed avviato tutti i controlli del caso dai quali è emerso che i Carabinieri di Agliè avevano segnalato il N.F. per evasione degli arresti domiciliari poche ore prima. Sentite tutte le persone che avevano assistito ai fatti sul treno non sono emersi elementi chiari ed univoci sul comportamento tenuto dal giovane, tuttavia il suo atteggiamento evidentemente poco avveduto, ha attirato l’attenzione su di lui che ha pagato con l’arresto per evasione ed il successivo accompagnamento presso la Casa Circondariale di Genova Marassi dove è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.