Pietro Miglio: da Trinità all’Inter Campione d’Italia

La favola d'altri tempi di Pietro Miglio: grazie a un annuncio su un giornale diventa il portiere della squadra di Weisz e Meazza. Una carriera nel calcio negli anni più difficili della nostra storia

L'Ambrosiana Inter allenata da Arpad Weisz. Al centro, capitan Giuseppe Meazza. L'ultimo sulla destra, in tenuta da portiere, è il trinitese Pietro Miglio

“A. A. A. cercasi portiere”. Il si­gnor Pasta, torinese, adocchia que­sto annuncio su un giornale e pen­sa che, forse, può avere il candidato giusto. Siamo nell’ottobre del 1930, in un’epoca in cui se avevi bisogno di cercare qualcuno c’erano solo due strade: il passaparola o qual­che riga su un quotidiano. Pasta chiede ai genitori del ragazzo, un liceale diciannovenne, il permesso di proporlo per il provino. All’epo­ca la maggiore età si raggiungeva a 21 anni. Loro acconsentono, ed è così che Pietro Miglio, originario di Trinità, passa dai pali dei Libe­ri del Crocetta a difendere la por­ta della squadra campione d’Italia, l’Ambrosiana Inter. (...)

Ulteriori particolari su L'Unione Monregalese del 18 novembre 2020.

Sei abbonato? CLICCA QUI e leggi la notizia completa

 

___

VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI
Sì, voglio le top news gratis ogni settimana - ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - CLICCA QUI