Soldi chiesti in prestito allo zio, condannato 45enne monregalese

Avrebbe ottenuto migliaia di euro anche dalla nonna

(a.c.)Aveva chiesto soldi allo zio e alla nonna. Ed è stato ritenuto colpevole di aver ordito un raggiro. Per questo C.F., 45enne monregalese, è stato condannato dal Tribunale di Cuneo a nove mesi di carcere e 200 euro di multa, più un risarcimento quantificato in 5.500 euro. Secondo quanto raccontato dallo zio, residente a Villanova, l’imputato avrebbe ottenuto da lui un prestito (da 2mila e 3mila euro), garantito con due assegni poi rivelatisi scoperti. Tutti quei soldi dovevano servire a pagare l’avvocato che stava seguendo una causa per conto della sua compagna M.B.: la donna, vittima di un incidente sul lavoro, attendeva infatti un risarcimento. Anche lei è stata processata per truffa insieme al convivente, ma il giudice l’ha assolta ritenendola estranea ai fatti.

Secondo la ricostruzione dell’accusa, nell’ottobre del 2017 C.F. avrebbe convinto anche l’anziana nonna, classe 1923, a prestargli 5.500 euro con un bonifico emesso sul conto della convivente. Lo zio sarebbe poi stato indotto con la stessa scusa a consegnare altri 10mila euro in contanti a suo nipote. L’imputato in aula ha negato ogni addebito: il bonifico dalla nonna lo avrebbe sì ricevuto, ma il debito sarebbe poi stato ripagato dopo la vendita di una casa di famiglia. Inoltre ha aggiunto di non aver invece mai ricevuto nulla da suo zio con il quale sosteneva di essere in pessimi rapporti da decenni.

La spiegazione non ha comunque convinto il pm Anna Maria Clemente, che ha parlato di un «comportamento oltremodo subdolo», chiedendo per entrambi gli imputati la condanna a otto mesi. L’avvocato Antonio Tripodi, rappresentante di parte civile, ha ritenuto che la truffa fosse provata dall’emissione dei due assegni scoperti e dal fatto che lo zio di C.F. era a conoscenza di molti particolari riguardo alla vicenda giudiziaria: «Non è affatto vero che i rapporti con lui fossero inesistenti». Gli avvocati difensori, Luca Borsarelli e Silvia Lusso, hanno sostenuto che l’unico scambio di denaro provato fosse quello con la nonna. «Lo zio potrebbe aver nascosto operazioni personali sul conto accusando suo nipote», ha ipotizzato il difensore di C.F. Il giudice Marco Toscano ha comunque ritenuto sussistenti gli elementi di prova. Il 45enne monregalese era già stato condannato a nove mesi di carcere per truffa nel 2014.

 

 


VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI
Sì, voglio le top news gratis ogni settimana - ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - CLICCA QUI

 

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...
rifugio serre di oncino

Al Rifugio Serre di Oncino la “cucina piemontese delle origini”

Abbiamo intervistato Riccardo Ferraris, gestore del Rifugio Serre di Oncino, in valle Po, inaugurato da pochi giorni. Con la famiglia gestisce anche il ristorante “La Raviola Galante” a Scurzolengo (AT), dove si propongono piatti...

Mondovì, due concorsi pubblici per quattro posti a tempo indeterminato

Il Comune di Mondovì ha pubblicato sul Portale Unico del Reclutamento nella giornata di oggi, martedì 18 giugno 2024 - CLICCA QUI - , due differenti concorsi pubblici per la copertura di quattro posti...

“Castello c’è” regala fiori ai residenti, per abbellire il borgo antico di Dogliani

Prosegue, costante, l’attività di valorizzazione turistica e culturale del gruppo di volontari “Castello c’è”, impegnati ormai da parecchi anni in una serie di iniziative volte a migliorare e a rendere sempre più “appetibile” il...

Dopo le elezioni: convegno a Cuneo fra Costa e Marattin, «Il momento delle scelte»

C'è chi lo dà già diretto verso Forza Italia. Chi dice che sta lavorando a ri-quagliare il partito di Calenda che si è squagliato dopo lo strappo con Renzi. Probabilmente non è del tutto...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...