Fiera del Bue grasso 2020, cosa si può fare – IL PROGRAMMA

Il programma è ovviamente limitato e ridotto all'essenziale: rassegna dei buoi in streaming e il normale mercato in paese

Diciamolo subito, non sarà una Fiera del Bue grasso nel vero senso della parola, ma Carrù non si è arreso. La Fiera di quest’anno, che va in scena giovedì 10 dicembre, è ridotta ovviamente all’essenziale e si compone sostanzialmente di tre punti fondamentali: la rassegna dei buoi a porte chiuse, il normale mercato settimanale di paese e la possibilità della “Fiera in scatola” presso i ristoranti.

Fiera del Bue grasso, il programma

La rassegna zootecnica, con diretta live in streaming grazie alla "fresca" installazione da parte di Isiline della fibra ottica, inizia sotto l'ala Borsarelli alle ore 11. È accessibile sono agli allevatori e agli addetti ai lavori. In paese ci sono le bancarelle del mercato settimanale, tornato dal giovedì precedente ad ospitare anche i beni non alimentari. Non ci saranno, come da decreto, i fieristi. Con le limitazioni in vigore da zona arancione, sarà una Fiera di Carrù e per Carrù. Riservata ovvero quasi esclusivamente ai carrucesi.

Fiera del Bue grasso ... in scatola: il bollito box

In tutto il paese sarà consentivo il take away dalle 5 alle 22, come da disposizioni governative. Sia per i bar che per i ristoranti. L’unione storica tra “Osteria del Borgo”, “Vascello d’oro”, “Bue grasso” e “Moderno” ha pensato di organizzare, tutti insieme, un box take away “ad hoc” per il giorno di Fiera, giovedì 10 dicembre. Si chiama “La Fiera in scatola” e racchiude dentro di sé l’essenziale e il gusto più autentico: panino di bollito e carne cruda, in promozione speciale a 5 euro. É gradita la prenotazione, con ritiro presso i ristoranti dalle 9.30 alle 14. L'intero incasso delle box verrà devoluto dai ristoratori alla Scuola Primaria di Carrù.

LEGGI ANCHE: “Fiera del Bue grasso… in scatola”, i ristoranti non si arrendono: ci sarà un bollito box

Alla fine della zona arancione

Beffardamente tre giorni dopo il Piemonte entra in zona gialla e da domenica si potrà tornare a consumare anche dentro bar e ristorante. Possiamo quasi parlare di “Fiera di comunità”, tutta racchiusa nella “bolla” paese. Sotto l’ala ci sarà spazio per gli allevatori, qualche giornalista, e gli operatori video. Oltre alla settantina di capi che verranno premiati. Provando quasi a far finta che sia tutto come gli altri anni, poi per il 2021 torneranno, si spera, i bei tempi abbondanti. Dove stare stipati tutti insieme non era reato, anzi…

LEGGI ANCHE: Fiera del Bue grasso: solo rassegna con premiazione “a porte chiuse”, ma sarà molto social

Annullata l'asta, niente Palafiera

Ovviamente annullato il "Bollito No stop" sotto il Palafiera (che non viene nemmeno montato) e tutte i pranzi "Gran galà" e le cene comunitarie della Pro loco che quest'anno, suo malgrado, deve defilarsi. Non si è tenuta nemmeno l'Asta mondiale che storicamente precedeva l'evento. «Abbiamo dato un segnale forte, quest’anno si è fatto tutto il possibile. L’organizzazione della Fiera, intesa come mostra mercato bovina, è già un’eccezione», commenta il sindaco Nicola Schellino.

Un "corto" per Sua Maestà del regista Sordella

Intanto l'Atl del Cuneese, grazie all'interessamento del consigliere Rocco Pulitanò, ha deciso di realizzare un cortometraggio di finzione che "racconterà in modo emotivo la storia e la tradizione che si cela dietro la Fiera per invitare i partecipanti ad approfondire le radici culturali di questo appuntamento tradizionale". Il video avrà durata pari a circa 3 minuti e sarà realizzato dal regista Davide Sordella; le riprese avranno luogo nei prossimi giorni.

CENT'ANNI DI STORIA: Dal Medioevo ad oggi, una passerella delle eccellenze dell’allevamento piemontese

Una Fiera social

Così il sindaco Nicola Schellino: «Questo progetto è la dimostrazione di quanto l'interesse attorno alla storia ed alla tradizione della Fiera del Bue Grasso sia alto. Ringrazio l'ATL del Cuneese, nelle persone del Presidente Bernardi, del Consigliere Pulitanò e della Direttrice Salvestrin, per aver deciso di puntare sulla Fiera raccontandone tramite un cortometraggio la sua assoluta unicità fondata sulla tradizione». Ma sarà una "Fiera" molto social: per lanciare l'appuntamento nel 2021, ci sarà tanto spazio alla parte video, e il Comune stesso incaricherà un professionista specifico.


Link utili

Il sito ufficiale: fieradelbuegrasso.it
www.comune.carru.cn.it
www.prolococarru.it
corrieredicarru.wordpress.com

 


Il Monregalese è un meraviglioso scrigno di tesori: scoprilo sul sito turistico del progetto
Viaggio nel Monte Regale


VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI
Sì, voglio le top news gratis ogni settimana - ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - CLICCA QUI