Volley: un grande Puma domina al PalaManera, Sassuolo ko in tre set

Ritorno con vittoria tra le mura amiche per la Lpm Bam Mondovì, dopo due mesi di "assenza". Le rossoblù piegano con una prova convincente le neroverdi della stella Antropova

Finalmente ci siamo. Dopo oltre due mesi di assenza da casa, oggi (20 dicembre), la Lpm Bam Mondovì torna di scena nel suo PalaManera. In un impianto ancora "a porte chiuse", il Puma è atteso da un'importante prova di maturità. Nelle scorse settimane la formazione di Davide Delmati ha recuperato alla grandissima dal lungo periodo di inattività causa Covid e ha messo in fila due importanti vittorie in trasferta: a Roma, battendo la fortissima capolista, e a Marsala, piegando la resistenza di una delle formazioni più "in palla" del momento. Ora è venuto finalmente il momento di tornare a casa. Per la "prima" dopo tanto tempo all'ombra del Belvedere, le rossoblù si trovano di fronte l'ostacolo Green Warriors Sassuolo, altra squadra da prendere con le molle, che in questo periodo sta facendo molto bene e tra le cui fila milita la stella Ekaterina Antropova, super bomber con passaporto italiano che, nonostante i suoi appena 17 anni, appare già chiaramente proiettata verso un futuro ormai certo in serie A1 e in nazionale maggiore. Per arginare la strapotenza fisica della Antropova (202 centimetri di altezza e un braccio devastante) e l'ottima incisività sulle palle alte della ex pumina Kappi Dhimitriadhi, la Lpm Bam deve tirare fuori ancora una volta il meglio di sé.

Il coach monregalese si affida nuovamente al sestetto ormai collaudato nelle precedenti uscite, con Scola e Taborelli sulla diagonale, Tanase e Hardeman in banda, Molinaro e Mazzon al centro e De Nardi libero.

Nel primo set, la sfida si apre con le rossoblù avanti. Tanase firma tre punti di fila e piazza il 5-3, ma Dhimitriadhi risponde per le rime e accorcia prontamente (7-6). L'allungo arriva con Taborelli che, prima in attacco e poi a muro, ristabilisce le distanze permettendo al Puma di portarsi sul 10-6. Mazzon firma il 12-8 poi però Sassuolo torna a farsi sotto, grazie all'ace dell'argentina Salinas e al pallonetto di Dhimitriadhi (13-12). Molinaro tiene comunque le locali avanti e, a muro, chiude la porta in faccia ad Antropova, prima dell'ace di Taborelli per il 16-12. L'errore in attacco di Dhimitriadi e l'ace di Molinaro regalano alla Lpm Bam il 20-14. Sassuolo reagisce, si affida al braccio armato di Antropova e rosicchia qualche lunghezza, costringendo Delmati a chiamare il primo time-out. Le locali riordinano le idee e tornano a macinare punti: Mazzon a muro fa 22-18, l'attacco di Taborelli porta al 23-18 e Tanase mette a terra il 25-19.

Il secondo parziale vede Sassuolo partire con il piede sull'acceleratore, mentre le avversarie soffrono parecchio in ricezione (Bordignon prende il posto di una Hardeman in difficoltà). Antropova ne approfitta, alza il ritmo, sale in cattedra e mette giù prima l'1-3 e poi il 3-7 e il 3-8, con due ace in rapida successione. La reazione monregalese passa per le mani di una propositiva Mazzon e permette di assottigliare lo svantaggio fino all'8-10, ma le ospiti non mollano e tornano sul +6 (8-14 ancora firmato Antropova). La fast di Molinaro e il mani-out di Tanase tengono accese le speranze della Lpm Bam (12-15), ma ancora una volta Sassuolo regge bene l'urto, riparte e allunga 12-17. A questo punto Scola si mette in proprio e pesca lo spiraglio giusto per il 16-18, la fast di Mazzon vale il 17-19 e la Lpm torna in corsa. Le ospiti non riescono più ad incidere come vorrebbero e Taborelli in attacco non sbaglia, portando le padrone di casa prima all'aggancio e poi al sorpasso: 20-19. L'errore a rete di Magazza regala il 22-20 e, dopo uno scambio interminabile, è ancora Taborelli ad avere l'ultima parola, per il 23-21. La stessa Taborelli fissa il mani-out del 24-22, ma il colpo di coda di Antropova riporta tutto in parità sul 24-24. Ai vantaggi, l'ultima parola spetta ancora ad una incontenibile Taborelli, che mette a terra il meritatissimo 26-24.

Avanti per 2-0 nel conto set il Puma, con Hardeman nuovamente in campo dall'inizio, si presenta sul taraflex per il terzo game con grinta e determinazione. Proprio Hardeman ritrova subito la giusta incisività in attacco e firma una serie di punti a ripetizione, portando le locali sull'8-5, con un gran muro da applausi. La Lpm Bam sembra in controllo: Taborelli fa 9-6, Tanase in pallonetto 11-7 e nuovamente Taborelli firma il 13-9. A questo punto però Sassuolo torna a farsi pericoloso (13-12). Le locali comunque mantengono la calma e tornano prontamente a +4, con il 17-13 di Hardeman. La stessa Hardeman, davvero incontenibile, mette il suo zampino anche sul 19-13 e sul 20-14. Sassuolo affonda, mentre Mondovì alza il ritmo e si impone. L'attacco out di Antropova porta al 22-15, l'ace di Taborelli vale il 24-17 e l'errore al servizio di Zojzi porta al 25-20.

LPM BAM MONDOVI' - GREEN WARRIORS SASSUOLO 3-0 (25-19 26-24 25-20)

LPM BAM MONDOVI': Hardeman 10, Mazzon 11, Taborelli 15, Tanase 9, Molinaro 7, Scola 1, De Nardi (L), Bordignon 1. Non entrate: Bonifacio, Serafini, Midriano, Mandrile. All. Delmati.

GREEN WARRIORS SASSUOLO: Spinello 1, Salinas 6, Aliata, Antropova 19, Dhimitriadhi 14, Fornari 1, Falcone (L), Zojzi 4, Pasquino 1, Magazza 1, Pelloni. Non entrate: Civitico (L), Ferrari, Bazzani. All. Barbolini.

ARBITRI: Pasin, Nava. NOTE - Durata set: 26', 31', 26'; Tot: 83'.