L’Inferno degli albori e la “Divina” mancata di Pasolini

Se si dovesse presentare una lista di riduzioni cinematografiche su opere e vita di Dante Alighieri, avremmo una filmografia piuttosto limitata. Possiamo trovare alcune trasposizioni dell’Inferno nel cinema degli albori, oltre a pellicole dedicate singolarmente a interpreti presenti nella Divina Commedia. Delle parodie, tra cui una di Totò; uno sceneggiato TV della RAI (Vita di Dante) dedicato al poeta, e molte citazioni o riferimenti marginali provenienti da oltreoceano: Al di là dei sogni e Inferno sono gli esempi più solidi. Mentre “Il mistero di Dante” è un docufilm che cerca significati massonici nella letteratura di Dante. E’ singolare constatare come il cinema, capace di riciclare tutto, sia rimasto, ad esempio, piuttosto indifferente al fascino della Divina Commedia: un’opera fondamentale e notissima a livello mondiale, dall’alto valore mistico e storico, e ricca di potenziale visivo. Nel 2020 i tempi sembravano maturi per un lungometraggio su Dante: Pupi Avati aveva presentato un progetto, ora arenatosi, sullo scrittore fiorentino. E’ proprio il nostro cinema a doversi far carico di una sua biografia, nonostante l’universalità del personaggio: il volgare e il contesto storico-politico dell’Italia del due-trecento, risulterebbero uno scoglio ostico da superare per una produzione estera. La passione italiana per la commedia e la tradizione nei film storici avrebbero dovuto suggerire ai cineasti connazionali di attingere con maggiore energia dall’eredità del poeta, come accaduto con Boccaccio, intensamente utilizzato con accento goliardico soprattutto nel corso degli anni ‘70. Anche Pasolini trattò prima Boccaccio, con il suo “Il Decameron”, inserito nella “Trilogia della vita”. Ma l’uscita postuma di “La Divina Mimesis”, rilettura letteraria incompiuta dell’opera di Dante, avrebbe probabilmente aperto ad un adattamento cinematografico. Tuttavia il regista ci ha lasciato ugualmente alcuni riferimenti all’interno dei suoi film: citando i versi di Bonconte in apertura di “Accattone”, e riadattando le bolge dantesche in “Salò o le 120 giornate di Sodoma”.

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Tre arresti per la banda del camper (a noleggio) dopo cinque furti nei negozi

Come anticipato, nella notte tra il 12 e 13 aprile, diversi esercizi pubblici di Ceva, Bastia Mondovì e Carrù erano stati “visitati” dai ladri, che si erano impossessati di alcuni telefoni cellulari e del...

È di Torre una delle “dieci donne che salvano la terra” per Slow Food...

Lunedì mattina a Torino, in occasione della Giornata mondiale della terra” si è tenuta la conferenza stampa dell’evento “10 donne che salvano la terra”, una delle iniziative organizzate da Slow Food Italia in vista...

Ernesto Billò con “La Resistenza dei giovanissimi” inaugura il 25 aprile a Carrù

Sarà la deputata cuneese e vicepresidente nazionale del Partito Democratico Chiara Gribaudo a tenere quest’anno l’orazione ufficiale a Carrù nell’ambito delle celebrazioni del 25 aprile. Invitata dalla sezione locale dell’Anpi e dal Comune, la...

Medico di base a Farigliano: la dott.ssa Apostolo prende servizio il 13 maggio

Dal 13 maggio prossimo la dottoressa Romina Apostolo si inserirà in qualità di medico nel ruolo unico di Assistenza Primaria a ciclo di scelta (Medico di Medicina di Medicina Generale) attualmente autolimitata a mille...
gruppo figli genitori separati

Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati

Diamo voce ai nostri figli! A Mondovì un Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati Lo studio “La Giraffa - Professionisti per la gestione del conflitto”, nell’ambito delle iniziative avviate, propone...