Castellino Tanaro, ritrovato cadavere su una catasta di legna vicino al Tanaro

All'imbrunire, in località Beguda. Si ipotizza possa essere una delle povere salme del cimitero di Trappa a Garessio, devastato dall'ultima alluvione

Il cimitero di Trappa (Garessio) devastato dall'alluvione

(d.s. - e.l.) – Un cadavere, in avanzato stato di decomposizione, appoggiato su una catasta di legna. E' quanto è stato ritrovato nella serata di ieri, venerdì 5 febbraio, all'imbrunire, in località Beguda, nel Comune di Castellino Tanaro. L'area si trova sulla sponda destra del fiume Tanaro. Sono intervenuti, alla presenza del sindaco del paese Andrea Canavese, i Carabinieri di Dogliani e il magistrato incaricato, che ora avvierà gli accertamenti nella speranza di arrivare a un riconoscimento.

Vista la posizione e il luogo, il primo pensiero non può che andare alle povere salme del cimitero di Trappa, a Garessio, devastato dopo l'alluvione del 1° e 2 ottobre scorso. Nell'occasione erano state disperse a valle centinaia di bare, molte ancora in attesa di essere recuperate. Un episodio simile era accaduto a Bastia, nel giorno di Santo Stefano . Ma solo gli esami successivi potranno dare o meno la conferma. Dalle prime verifiche, si presume possa trattarsi di una donna.