Coalvi in tv: la carne d’eccellenza contro l’importazione di bassa qualità

Il Consorzio, tra i protagonisti dell'ultima puntata di "Presa Diretta". Possibile vendere in tutta Italia il Fassone Piemontese al posto della carne che arriva dal Sud America?

La scorsa puntata di "Presa Diretta", programma di approfondimento giornalistico in onda su Rai3, dedicata al mercato italiano della carne, ha avuto tra i protagonisti una realtà locale d'eccellenza. Il problema affrontato durante l'inchiesta è stato quello dell'importazione di gran parte della carne venduta in Italia da paesi che non garantiscono gli stessi standard qualitativi. In particolare, è stata messa in discussione la provenienza della carne venduta in Italia e la diffusione di carne importata dal Sud Ameria in tutto il mercato nazionale. In questo contesto molto delicato, Coalvi, il Consorzio di Tutela della Razza Piemontese, è intervenuto con la testimonianza a più voci di una lavorazione della carne secondo parametri che ne garantiscano e ne preservino la massima qualità lungo tutta la filiera, dal produttore al consumatore. Il Consorzio è stato poi interpellato anche su un'idea "innovativa" su scala nazionale: sarebbe possibile (ed economicamente sostenibile) vendere in tutta Italia un prodotto di qualità come la carne di Fassone piemontese, anziché importarla dal Sud America?

«I nostri allevatori sono stati portati ad esempio di allevamenti non intensivi, con una media di 40 capi ciascuno e una conduzione generalmente tradizionale e familiare – dicono da Coalvi –. Animali con un'alimentazione sana e naturale, con un’attenzione al benessere animale che va oltre gli standard imposti dall’Unione Europea. E in più, un sistema di tracciabilità della carne con informazioni che la seguono in tutte le fasi della filiera, dalla produzione alla lavorazione e fino al banco della macelleria». «Il cliente riesce così a capire quello che mette in tavola» ha aggiunto uno dei macellai Coalvi, intervistato nel servizio. Questi gli elementi evidenziati da Presa Diretta per spiegare l'alternativa di mercato rappresentata da realtà come quelle del Coalvi.

Le telecamere di "Presa Diretta" hanno fatto visita all'azienda agricola della famiglia Bertola di Morozzo e alla macelleria Serra di Caraglio. Sono intervenuti anche il direttore Coalvi, Giorgio Marega, e il presidente, Carlo Gabetti.

Per rivedere la puntata di Presa Diretta è sufficiente cliccare sul link qui sotto (da 1h:05':13”, con l’argomento “troppa carne a buon mercato”)

Presa Diretta, guarda il servizio Coalvi

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Manomette il cronotachigrafo, autista fermato e multato dalla Polizia a Fossano

Nella mattina di giovedì 2 febbraio una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Cuneo, nell’ambito dei controlli del traffico commerciale, fermava a Fossano un autotreno immatricolato in Italia e condotto da un cittadino italiano...

A Farigliano, Posta ad orario ridotto da tre anni: «Si torni almeno ai 5...

Ormai dal 2020, con l’inizio della pandemia da Covid, l’Ufficio postale di Farigliano è aperto con “orario ridotto”. I lockdown e le ripetute chiusure avevano infatti portato Poste Italiane a decidere di dimezzare le...

Bastia: le pietre d’inciampo dei bimbi della Primaria, al “Giardino della Pace”

Venerdì 27 novembre l’aria era gelida e pungente al “Giardino della Pace” di Bastia, proprio come doveva esserlo quel lontano giorno del 1945 ad Auschwits. Insieme al fumo dei comignoli si è levato nel...

Da Bene Vagienna il “mappamondo volante” dei Montgolfier, al Carnevale di Venezia

Altra realizzazione assolutamente “ad effetto” per la “Fly In” di Bene Vagienna, l’azienda di Mauro Oggero specializzata nella creazioni di grandi opere gonfiabili, che in passato ha dato vita a progetti come il megastore...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...