Coalvi in tv: la carne d’eccellenza contro l’importazione di bassa qualità

Il Consorzio, tra i protagonisti dell'ultima puntata di "Presa Diretta". Possibile vendere in tutta Italia il Fassone Piemontese al posto della carne che arriva dal Sud America?

La scorsa puntata di "Presa Diretta", programma di approfondimento giornalistico in onda su Rai3, dedicata al mercato italiano della carne, ha avuto tra i protagonisti una realtà locale d'eccellenza. Il problema affrontato durante l'inchiesta è stato quello dell'importazione di gran parte della carne venduta in Italia da paesi che non garantiscono gli stessi standard qualitativi. In particolare, è stata messa in discussione la provenienza della carne venduta in Italia e la diffusione di carne importata dal Sud Ameria in tutto il mercato nazionale. In questo contesto molto delicato, Coalvi, il Consorzio di Tutela della Razza Piemontese, è intervenuto con la testimonianza a più voci di una lavorazione della carne secondo parametri che ne garantiscano e ne preservino la massima qualità lungo tutta la filiera, dal produttore al consumatore. Il Consorzio è stato poi interpellato anche su un'idea "innovativa" su scala nazionale: sarebbe possibile (ed economicamente sostenibile) vendere in tutta Italia un prodotto di qualità come la carne di Fassone piemontese, anziché importarla dal Sud America?

«I nostri allevatori sono stati portati ad esempio di allevamenti non intensivi, con una media di 40 capi ciascuno e una conduzione generalmente tradizionale e familiare – dicono da Coalvi –. Animali con un'alimentazione sana e naturale, con un’attenzione al benessere animale che va oltre gli standard imposti dall’Unione Europea. E in più, un sistema di tracciabilità della carne con informazioni che la seguono in tutte le fasi della filiera, dalla produzione alla lavorazione e fino al banco della macelleria». «Il cliente riesce così a capire quello che mette in tavola» ha aggiunto uno dei macellai Coalvi, intervistato nel servizio. Questi gli elementi evidenziati da Presa Diretta per spiegare l'alternativa di mercato rappresentata da realtà come quelle del Coalvi.

Le telecamere di "Presa Diretta" hanno fatto visita all'azienda agricola della famiglia Bertola di Morozzo e alla macelleria Serra di Caraglio. Sono intervenuti anche il direttore Coalvi, Giorgio Marega, e il presidente, Carlo Gabetti.

Per rivedere la puntata di Presa Diretta è sufficiente cliccare sul link qui sotto (da 1h:05':13”, con l’argomento “troppa carne a buon mercato”)

Presa Diretta, guarda il servizio Coalvi

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Vicoforte: il questore vicario Manganaro: “La Mafia oggi si è evoluta, è difficile da...

In occasione della giornata regionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie e per la promozione della cittadinanza responsabile, il comune di a Vicoforte ha organizzato un appuntamento dedicato...

La “Festa del cece” di Nucetto miglior evento 2023

La "Festa del cece" di Nucetto è stata votata e giudicata come il miglior evento del 2023 nella categoria mostre mercati e fiere del "Premio ITALIVE", che viene organizzato ogni anno con l’obiettivo di...
video

VIDEO – Crozza in TV: «Milano non è mica Mondovì, dove sono capaci sia...

Simpatico siparietto nell'ultima puntata  di "Fratelli di Crozza", su NOVE Discovery: il comico cita Mondovì come esempio di città, virtuosa perché di piccole dimensioni, in cui il Comune riesce sia a potare le piante...

Mattia Germone confermato presidente della Banda musicale di Mondovì

Giovedì 18 aprile si è tenuta presso la sede della Banda Musicale di Mondovì l'assemblea annuale di tutti i soci 2024. L'occasione era quella, oltre che per l'approvazione del bilancio, del rinnovo delle cariche...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...