Il docufilm sui panettieri italo-francesi sarà trasmesso ad aprile in Francia

Probabilmente sarà poi proiettato in estate a Niella, durante la festa del pane, ospite la regista

Il documentario “Dateci il nostro pane quotidiano” frutto del lungo lavoro di ricerca e di ripresa fatto dalla giornalista francese Géraldine Giraud sulla storia dei panettieri niellesi emigrati in Costa Azzurra, dopo cinque settimane di montaggio a Marsiglia, è ormai concluso. «La rete televisiva France 3 dopo la visione l’ha definito “un film bellissimo” – spiega la regista -. Sono molto orgogliosa per tutti i niellesi ambasciatori dell’arte bianca, quelli di ieri come di oggi, e dei loro eredi. Sono loro che mi hanno accompagnata nel viaggio di creazione di questa opera comune, l’omaggio più bello che potevo fare ad i nostri antenati e al nostro territorio comune, legato dalla farina. Ringrazio di cuore a tutti i protagonisti per la loro generosità, il loro aiuto e la loro confidenza. La diffusione del film è prevista ad aprile in Tv sul canale francese “France 3 Provence-Alpes”. Per la proiezione italiana invece aspetteremo l’estate, per condividerla durante una bella festa del pane a Niella, magari senza Covid». La storia del pane che lega Italia e Francia ha ispirato non solo il documentario, ma sta rivitalizzando anche il paese, dove è stato riaperto il forno comunitario e dove si aspetta il 2021 per la prima edizione della “Festa del pane”, ma anche la vita di diverse persone. «Céline Cornutello, venuta a Niella quest’autunno per conoscere il paese dell’arte bianca, ha da poco aperto la sua panetteria di montagna, a Valberg – racconta ancora Gèraldine –. Sono queste le storie di cui si parla nel documentario». Il Comune intanto sta pensando a come proporre la proiezione, valutando un appuntamento da proporre in più serate durante l’estate.