La Liguria chiude Ventimiglia e Sanremo: «Il virus circola il doppio»

Scuole chiuse e tra i Comuni di distretti diversi è vietato circolare. Non zona rossa, ma "ordinanza restrittiva" per dieci giorni

Oggi viene firmata l'ordinanza regionale restrittiva per il Ponente ligure, dove l'incidenza di diffusione del virus è il doppio rispetto al resto del territorio. Il governatore della Liguria Giovanni Toti ha già preannunciato nuove chiusure per Ventimiglia e Sanremo. In particolare dalla mezzanotte tra oggi e domani (mercoledì 24 febbraio) fino al 5 marzo si applica la chiusura delle Scuole di ogni ordine e grado nei distretti sanitari 1 e 2 della Asl 1 (Ventimiglia, Sanremo e Comuni limitrofi).

Nell'area di Ventimiglia, vicina ai focolai della Costa Azzurra, inoltre sarà vietato vendere alcolici e l'asporto dalle 18 (consentite invece in qualsiasi orario le consegne a domicilio). I bar e i ristoranti sono già chiusi in quanto la Liguria è arancione. Poi «divieto di assembramento assoluto» e «facoltà per i sindaci per ulteriori misure restrittive in ambito urbano». Tra i Comuni di distretti diversi è vietato circolare (anche se dalla prossima settimana la Liguria diventasse zona gialla).

I Comuni interessati

Il distretto Ventimigliese comprende i comuni di: Airole, Apricale, Bordighera, Camporosso, Castel Vittorio, Dolceacqua, Isolabona, Olivetta S. Michele, Perinaldo, Pigna, Rocchetta Nervina, S. Biagio della Cima, Seborga, Soldano, Vallecrosia, Vallebona, Ventimiglia.

Nel distretto sanremese ci sono invece i Comune di: Badalucco, Baiardo, Castellaro, Ceriana, Molini di Triora, Montalto Carpasio, Ospedaletti, Pompeiana, Riva Ligure, Sanremo, Santo Stefano al Mare, Taggia, Terzorio, Triora.

Non zona rossa, ma ordinanza restrittiva

«Ho parlato più volte con il ministro Speranza e con i sindaci del territorio – ha spiegato Toti – Con questo provvedimento speriamo di raffreddare un picco pandemico che, se si prolungasse, potrebbe portare problemi nelle strutture ospedaliere di Asl 1. Speriamo che dieci giorni di misure ulteriormente restrittive, che ovviamente verranno debitamente ristorate dalle misure nazionali previste, possano essere efficaci».

Il presidente ligure non ha mai parlato espressamente di "zona rossa", ma di "ulteriori misure restrittive" all'interno della regione che è in zona arancione.  Il testo approvato ieri dal Governo Draghi, infatti, oltre a prorogare lo spostamento tra regioni fino al 27 marzo, introduce una novità: nella zone rosse viene tolta la possibilità di andare a trovare parenti e amici in un'abitazione diversa dalla propria.