8 Marzo – Storie di Donne, di lavoro e di lotta. Contro il Covid

8 marzo donne lavoro covid

8 Marzo: storie di Donne e di lavoro, contro il Covid. Interviste a figure femminili a cui la pandemia ha stravolto il lavoro o glielo ha strappato

8 Marzo: storie di Donne e di lavoro, contro il Covid. Contro, perché lo hanno provato sulla loro pelle. O su quella dei loro assistiti. O perché ha devastato il loro lavoro: nelle corsie dell’ospedale, fra i banchi di scuola, nel bar o nel ristorante, prendendosi cura della bellezza altrui. Il Covid ha devastato le vite di tutti e ha travolto il lavoro di tutti. Che c’entra, verrebbe da dire, l’8 Marzo?

Già: che centra? «Nel 2020, anno della pandemia, su 444 mila lavoratori in meno 312 mila sono donne». Lo ha detto l’Istat, qualche settimana fa. Ed è impressionante il dato di dicembre: su 101 mila posti di lavoro spariti, 99 mila erano femminili. Oggi, lunedì 8 marzo, è la “festa della donna”. Anzi: è la “Giornata internazionale della donna”, dei diritti delle donne. Il lavoro è uno di questi diritti - perché il lavoro è dignità -, ed è uno di quelli che viene calpestato più spesso. Ma perché, nell’anno della pandemia, il lavoro femminile è stato così colpito?

Facciamo un passo indietro. Di un anno. 8 marzo 2020, “festa della donna” ma soprattutto ultimo giorno di aria aperta per sessanta milioni di persone. Il giorno successivo, 9 marzo, entrerà in vigore il Dpcm del primo lockdown. Un anno di Covid, un anno di crisi. Un anno a combattere gli effetti devastanti del virus sulla salute, sulla sanità, sulle scuole ma anche sull’economia. Perché la pandemia ha impattato così tanto sul lavoro femminile?

«Per almeno tre ragioni - racconta lo scenario che hanno in mano le forze sindacali -. Primo, perché ha impattato economicamente su settori lavorativi a forte occupazione femminile». Ed è il caso dei centri estetici e acconciature, della ristorazione, delle imprese di pulizia, delle aziende del turismo. «Secondo: perché, in una situazione già fortemente precaria, sono le prime che hanno subito riduzione o che sono state direttamente a casa». Ed è il caso di aziende finite in crisi, ma anche delle coop di servizi a terzi che hanno ridotto tantissimo. «E terzo: perché, in una situazione già precaria, è venuta a galla una questione collegata alla fragilità di questo sistema: un sistema in cui tante donne, con la chiusura delle scuole, hanno dovuto scegliere tra occupazione e i figli e hanno abbandonato il posto di lavoro».

E poi c’è chi, invece, ha dovuto lavorare fronteggiando il virus ogni santissimo giorno: chi nelle Rsa, chi nel mondo della scuola, chi in ospedale come oss o come medico, chi nel commercio, nella ristorazione, nei saloni di acconciature. Infine, c'è chi lavorava, e oggi non lavora più. 

Ed è a loro che L’Unione Monregalese dedicherà un servizio di approfondimento - ampio - sul prossimo numero. A loro, e alle loro storie: «li vedevo morire ogni giorno, e sapevo che quando dicevo “andrà tutto bene”... dicevo una bugia», «dovevo essere forte, perché sapevo che tutti confidavano in me», «avevo appena cominciato questo lavoro, ed è cambiato tutto», «non vedevo più nessuno: avevo paura di portare il virus a casa», «ho pensato prima ai miei dipendenti che a me», «non si tornerà mai come prima», «ricordo quando si poteva prendere un caffè o fare due chiacchiere: ora no», «nulla, nella mia formazione, mi aveva preparata a una cosa del genere». Sono tante parole, di tante voci diverse. Donne contro il Covid.

LE STORIE ON LINE

Il racconto di due oss: un anno di lotta, in ospedale e in casa di riposo

La storia di Anna: «Avevo appena rilevato una palestra: e non posso aprire. Faccio lezioni on line»

Donne contro il Covid – Dall’Ospedale di Mondovì, le tre primarie che lottano da un anno

La storia di S.: «Un anno fa avevo un lavoro. Poi è arrivato il Covid, ed è finita»

Chirurgia Laser Difetto Visivo

Chirurgia laser per correggere il tuo difetto visivo: scopri se sei idoneo

Miopia, astigmatismo, ipermetropia, presbiopia - Non lasciare che la paura di togliere gli occhiali ti impedisca di fare le cose che ti piacciono: vieni l’8 e 19 aprile al Centro Abax di Cuneo per...

Ancora ladri al bar “Cit ma bel” di Bastia: due furti in una settimana

Nuovo increscioso episodio, al bar "Cit ma bel" di Bastia, vittima di due furti con scasso in una sola settimana. Dopo l'incursione di ignoti avvenuta nella notte tra giovedì 4 e venerdì 5 aprile,...

Mondovì, scontro tra auto a Breolungi

Incidente a Mondovì Breolungi questo pomeriggio, alle 17.15 circa. Una scontro, per cause da accertare, ha coinvolto due auto sulla Statale 28 nei pressi del ponte sul Pesio. In tutto cinque gli occupanti: 3...

Secondo giorno di Fiera di Primavera: il programma di domenica

Continua la Fiera di Primavera 2024. Un weekend floreale, con 400 espositori tra florovivaisti, produttori agricoli, auto-moto e mezzi agricoli, giochi per bambini, laboratori, talk, attività e tanto altro. FIERA DI PRIMAVERA 2024, PROGRAMMA: il sito...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...