Cori e coristi fermi da un anno: «Cantare è divertimento, soffriamo molto»

Nel Cuneese sono quasi un migliaio le persone del settore. Alcuni cori “popolari” rischiano di scomparire. Eleonora Briatore: «La musica è un antidepressivo senza effetti collaterali»

Il coro "Cum Corde" di Mondovì

Da sempre accompagnano i momenti più importanti della nostra vita, le celebrazioni (e non solo), più significative dell’anno, le inaugurazioni, le presentazioni, le feste tra amici e le sagre di paese. Soltanto in Piemonte ci sono quasi 300 cori, che coinvolgono circa 9 mila coristi (900 solo nel Cuneese); tutti praticamente “fermi ai box” ormai da un anno, da quando cioè è iniziata l’emergenza sanitaria da Covid. Il canto è infatti tra le attività considerate maggiormente a rischio contagio. Per questo motivo, per quasi tutte le realtà coinvolte, è stato praticamente impossibile continuare, anche soltanto con le prove. Eleonora Briatore, monregalese di Bastia, neuropsichiatra infantile all’Ospedale di Cuneo, presidente dell’Associazione “Sicut Lilium” di Beinette e consigliere Acp, analizza così la situazione delicata che sta vivendo l’intero comparto: «Il prolungato periodo di stop rischia senza dubbio di smorzare gli entusiasmi. Cantare per noi è divertimento allo stato puro, non poterlo più fare è davvero un grosso sacrificio». Alcuni cori, specialmente quelli a carattere “popolare”, composti in prevalenza da interpreti non più giovanissimi, inoltre rischiano addirittura di non riprendere l’attività, anche quando sarà di nuovo possibile tornare ad esibirsi: «Su questo tema, ha avuto e continua ad avere un ruolo importantissimo l’Associazione Cori Piemontesi, che non ha mai fatto mancare il proprio sostegno concreto ai sodalizi, spronandoli a resistere e organizzando eventi web, webinar su diversi argomenti, “cori virtuali” e molto altro – aggiunge Eleonora –. Per ora comunque, fortunatamente non abbiamo ricevuto notizie di grandi defezioni tra i cori. Nei periodi dell’anno in cui c’era minor rischio abbiamo anche potuto organizzare alcune prove “dal vivo”, ma è tutto molto complicato. Servono spazi ampi anche per piccoli cori e vanno osservate ovviamente tutte le disposizioni anti contagio. Abbiamo anche provato a cantare con la mascherina ma… il risultato non è stato assolutamente soddisfacente. Così non ci si diverte». C’è stato poi un periodo in particolare che ha mandato in sofferenza i coristi: «Il nostro Natale è stato triste – spiega Eleonora –. L’atmosfera natalizia infatti, da sempre, è legata alle canzoni e ai cori. Questo Natale “muto” lo abbiamo sofferto molto. Neanche una serata, neanche un concerto, quando fino all’anno scorso avevamo impegni praticamente ogni giorno in quel periodo di festa. Personalmente l’ultimo anno è stato difficile, non solo per l’aspetto artistico, ma anche per il clima di amicizia e condivisione che si respira all’interno del coro e nell’ambiente in generale. La musica per me è una grande consolazione, un efficacissimo antidepressivo senza effetti collaterali». Giovedì 11 marzo i cori si ritrovano, anche se a distanza, via web, per l’Assemblea provinciale di Cuneo. Un momento importante di condivisione, per fare il punto sul momento attuale e fissare gli obiettivi futuri di ripresa.

Eleonora Briatore

Galvani: «Troveremo un mondo corale mutato»
Il torinese Ettore Galvani, presidente della Federazione nazionale Feniarco e numero uno di Acp, commenta: «Dovremo sicuramente confrontarci con un mondo corale mutato, forse anche nei numeri delle compagini e dei cantori che saranno pronti a riprendere, appena sarà possibile. Dovremo lavorare tutti insieme per riportare la quotidianità delle prove e dei concerti, ormai dimenticati da un anno».

Armando: «Nuove tecnologie, per proseguire lo studio corale»
Enrico Armando, di Saluzzo, giovane membro del Consiglio dell’Associazione Cori Piemontesi, aggiunge: «Il 2020 ha stravolto completamente il modo in cui eravamo abituati a lavorare. Ci siamo dovuti quindi appoggiare a nuove tecnologie per continuare lo studio del repertorio corale. L’intero settore è molto provato, ma sono sicuro che sapremo ricostruire i legami, attraverso la passione per la musica che ci accomuna».

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Giugno insieme: gli eventi dell’estate della Pro loco di Pianfei

La Pro loco di Pianfei ha annunciato il calendario degli eventi che tradizionalmente aprono l’estate. Il “Giugno insieme” prevede appuntamenti per tutte le settimane del mese (tutto il programma è previsto nell’area presso gli...

Villanova. Venerdì sera il gran finale del Palio dei Rioni 2024: chi sarà il...

Si è conclusa ieri sera la parte agonistica del Palio dei Rioni di Villanova, che ha visto le dodici frazioni sfidarsi in un percorso con la pallina, il cui obiettivo era comporre il maggior...

Crollo “Gmi”: in liquidazione l’azienda che gestiva numerose mense scolastiche

Brutta tegola, in questi giorni, per numerosi Comuni del Cuneese e non solo, alle prese con il crollo della “Gmi Servizi Srl”, importante azienda della ristorazione con sede operativa ad Ivrea, che gestiva le...

Quirico e Canapini chiudono “Funamboli”: speranza e guerra, sabato al “Caffè sociale”

Stanno per volgere al termine gli appuntamenti del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’Associazione culturale "Gli Spigolatori" di Mondovì. La tematica dell’edizione 2024 è “Osare la speranza” e nella seconda metà di...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...