La musica leggerissima di Sanrito

L’aostano Alberto Visconti assistito dal CoroMoro si aggiudica la statuetta parlando di rifugiati. Un’edizione che non era affatto scontata e che invece è stata di assoluto successo.

“Metti un po’ di musica leggera perchè ho voglia di niente, anzi leggerissima. Parole senza mistero, allegre ma non troppo”. Il testo della canzone di Colapesce e Dimartino è uno dei ritornelli più ascoltati nella settimana di Sanremo, e riprende un po’ la cifra di quella che è la dimensione di un artista, a metà tra l’intrattenimento e la necessità, la voglia, o il totale disinteresse a far meditare il proprio pubblico su ciò che gli sta attorno. Oltre a fare centro in quello che era il proprio obiettivo, la canzone inquadra molto bene la dimensione con cui è stata vissuta anche la settima edizione del Sanrito Festival di Cuneo. Un’edizione che non era affatto scontata si facesse e che invece è stata di assoluto successo: per le difficoltà – tutte superate nonostante i problemi della diretta – insite nel trasformare uno spettacolo concepito per avere un pubblico spettatore in una rarefatta diretta streaming; per quel gradino in più fatto da parte dell’organizzazione e nella scelta dei brani; ed infine perchè dopo 7 anni, una pandemia come quella vissuta ed un livello così alto, non è poi così campata in aria l’idea di aspettarsi che Sanrito possa fare da controcanto al più ben noto festival, con quell’idea di proporre “canzoni dal basso” che meritano attenzione.
Per venire alla cronaca, meriterebbero una menzione tutti i dieci artisti partecipanti (mai un’edizione con così tanta qualità in gara). Il vincitore è stato il valdostano Alberto Visconti (con L’Orage già in tour con De Gregori) che con il supporto di Maurice Bathia, a rappresentanza del CoroMoro, si è aggiudicato il Carlos Desnudo con il brano Welcome Refugees: si porta così a compimento un percorso cominciato nel 2014 in Valle di Lanzo, fatto di integrazione (italiani e richiedenti asilo politico) e lotta alla discriminazione (cantano musica popolare piemontese e motivi tradizionali dell’Africa). Il secondo posto è andato invece al cantautore bellunese Paolo Vaccaro, con la canzone Storia di Un Uomo Qualunque, rovesciamento della parabola cristiana; mentre sul terzo gradino del podio si è piazzato il raffinato brano Bovarismo della siciliana (trapiantata a Torino) Anna Castiglia. A legare le due serate dell’Auditorium di Cuneo una orchestra di grandissima qualità che dispensa quella leggerezza di cui la musica, in questo momento soprattutto, abbisogna anche quando tratta temi più complessi, parole senza mistero, allegre ma non troppo; una musica leggerissima anche, ma mai superficiale.

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...
onorificenza mattia aguzzi monregalese

Al monregalese Mattia Aguzzi l’onorificenza della Città di Torino

Al monregalese Mattia Aguzzi è andata anche la "Civica benemerenza" del Consiglio comunale della Città di Torino. Si tratta di un’onorificenza con cui la Città intende riconoscere meriti particolari a persone e associazioni che...

Lutto per Natalina Rastelli, di 48 anni. In passato anche gestore della Società Operaia...

Ha destato grave cordoglio nelle comunità di Pianfei e Roccaforte la scomparsa di Natalina Rastelli, a soli 48 anni, in seguito a una malattia. La donna era conosciuta per la sua attività...
video

VIDEO – Avvistamento di lupo a Mondovì Breo, di fronte alle scuole “Anna Frank”

Il video è stato visionato anche da alcuni esperti che confermano che l'aspetto pare quello di un lupo. Nella stessa sera il medesimo animale è stato avvistato in località Sciolli. Nel video, l'animale appare...

Gravissimo lutto a Chiusa di Pesio. Muore a 39 anni

La comunità chiusana è stata sconvolta da un gravissimo lutto. È scomparso improvvisamente a 39 anni Andrea Tavella, chiusano residente al Mombrisone. Andrea lascia la moglie Nicoletta e due figli ancora in giovanissima età....

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...