Addio a Giovanni Gastel, il grande fotografo che amava i calanchi sul Tanaro

Si è spento a 65 anni. Era stato presidente della giuria nelle ultime due edizioni del concorso "Obiettivo Calanchi". Anna Bracco: «Una grande persona ed un grande professionista, siamo molto addolorati»

Una terribile notizia ha scosso, oggi pomeriggio (13 marzo), l'intero mondo della fotografia. Positivo al Covid, è venuto a mancare il fotografo professionista Giovanni Gastel, 65 anni, conosciuto ed apprezzato in campo internazionale per numerosi suoi lavori di grande intuizione, che hanno lasciato il segno nella storia della fotografia, specialmente nel mondo della moda. Nipote di Luchino Visconti, si è spento a Milano, dove aveva anche il suo studio. Gastel era, ormai da qualche anno, figura legata a doppio filo anche con il territorio di Langa. Contattato dalla fotografa fariglianese Alessandra Botto, aveva ricoperto infatti il ruolo di presidente di giuria nelle ultime due edizioni del concorso fotografico "Obiettivo Calanchi", organizzato dall'Associazione Calanchi di Clavesana. Anna Bracco, presidente dell'Associazione di valorizzazione del territorio, lo ricorda così: «Una bellissima persona. La notizia della sua scomparsa ci addolora molto. Lo ricordiamo con piacere, come un professionista esemplare e preparatissimo. Allo stesso tempo, pur essendo fotografo di fama mondiale, si è sempre mostrato molto disponibile, gentile e disposto a collaborare. Aveva messo molto volentieri la sua esperienza al servizio del nostro piccolo concorso. Era entusiasta del progetto e apprezzava molto gli scatti che gli inviavamo per la valutazione e le particolari conformazioni del territorio dei calanchi sul Tanaro. Due estati fa, quando come Associazione proiettammo le fotografie direttamente sulle pareti rocciose dei calanchi, ci aveva detto che sarebbe voluto essere presente all'evento, poi però non era riuscito a venire a causa dei moltissimi impegni lavorativi che aveva. Quest'anno, in vista della quinta edizione del concorso, visto il rapporto di stima reciproca che ormai si era creato, stavamo pensando di coinvolgerlo nuovamente, poi è arrivata questa terribile notizia».

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Villanova. Venerdì sera il gran finale del Palio dei Rioni 2024: chi sarà il...

Si è conclusa ieri sera la parte agonistica del Palio dei Rioni di Villanova, che ha visto le dodici frazioni sfidarsi in un percorso con la pallina, il cui obiettivo era comporre il maggior...

Crollo “Gmi”: in liquidazione l’azienda che gestiva numerose mense scolastiche

Brutta tegola, in questi giorni, per numerosi Comuni del Cuneese e non solo, alle prese con il crollo della “Gmi Servizi Srl”, importante azienda della ristorazione con sede operativa ad Ivrea, che gestiva le...

Quirico e Canapini chiudono “Funamboli”: speranza e guerra, sabato al “Caffè sociale”

Stanno per volgere al termine gli appuntamenti del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’Associazione culturale "Gli Spigolatori" di Mondovì. La tematica dell’edizione 2024 è “Osare la speranza” e nella seconda metà di...
nasce fondazione ospedali mondovì ceva

Comuni, medici e aziende si uniscono: «Nasce la Fondazione per gli Ospedali di Mondovì...

L'atto costitutivo sta per arrivare sul tavolo del notaio. E ci sono firme importanti che hanno contribuito a questo risultato: non solo quelle dei Comuni di Mondovì e Ceva, non solo quella della Diocesi,...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...