A processo per bocconi avvelenati contro i lupi a Saliceto

Dopo una strage di pecore, l'accusa è di tentata uccisione di animali

(a.c.)È finito a processo con l’accusa di tentata uccisione di animali G.V., l’uomo che secondo i carabinieri di Saliceto avrebbe disseminato con bocconi avvelenati un boschetto in frazione Madonna della Neve. A scoprire le “esche” era stata una guida del posto, mentre accompagnava una comitiva di turisti in visita al santuario: «A poca distanza, erano appese due zampe posteriori di capriolo con tutta la pelliccia». I successivi esami tossicologici avrebbero riscontrato nei bocconi la presenza di Endosulfan, che è in grado di uccidere un cane in dosi superiori ai dieci mg per kg.

Solo pochi giorni prima di quel 29 giugno 2019, un residente del posto aveva documentato su Facebook la strage di un gregge formato da diciotto ovini di sua proprietà. I lupi avevano agito di notte a poca distanza dalle abitazioni. È stato proprio il pastore, in seguito, a fornire indicazioni per l’identificazione di G.V. come presunto autore del tentato avvelenamento: «Diceva di aver trovato un capriolo a bordo strada e di averlo appeso per le zampe. Se ci fossero stati predatori nella zona avrebbero attaccato quella carcassa piuttosto che aggredire animali vivi». Il testimone ha aggiunto di non sapere se nei pressi della carcassa fossero anche stati piazzati bocconi avvelenati. Prossima udienza il 22 giugno.



Scopri anche

Arriva la neve, l’Arpa dirama l’allerta gialla per Mondovì e Val Tanaro

Allerta gialla per neve nella giornata di domani, di sabato 3 dicembre. Arpa Piemonte ha diramato oggi alle 13 il bollettino, che ha valenza 36 ore. Per la zona F (Mondovì e Valle Tanaro)...
Lannutti primo tir elettrico

“Lannutti” presenta il suo primo tir elettrico: «Il futuro dei trasporti deve essere sostenibile»

Quarantaquattro tonnellate, nessun rumore. Il tir è elettrico. Non quello del futuro: è oggi, presente. Walter Lannutti, numero uno dell'azienda di trasporti e logistica che ha fondato 50 anni fa, lo ha presentato questa...

“C’è una bomba in Stazione a Fossano”, ma è un falso allarme

"C'è una bomba in Stazione a Fossano". Una telefonata anonima nella serata di ieri, giovedì 1° dicembre, ha fatto scattare l'allerta. Presso la Stazione ferroviaria fossanese sono intervenuti i Carabinieri e la Polizia ferroviaria,...

A gennaio 2023 torna a Mondovì il Raduno di Mongolfiere dell’Epifania

Il cielo di Mondovì, Città delle Mongolfiere, si riempirà ancora una volta di palloni colorati. Dal 6 all’8 gennaio 2023 torna l’evento volante che ogni anno tiene l’intera città col naso all’insù: il Raduno...