A Carrù, la galassia di Bode osservata… dal giardino di casa

L’idea dell’Istituto comprensivo che, con il contributo della Crc, è riuscito a comprare un super telescopio che scruta a 12 milioni di anni luce di distanza

Una galassia o una nebulosa osservata direttamente dal giardino di casa a Carrù. Questo succede grazie all’idea dell’Istituto comprensivo carrucese che, con il contributo della Fondazione CRC, è riuscito a comprare uno dei telescopi più innovativi al mondo: eVscope di Unistellar, aggeggio capace di combinare in modo geniale le funzionalità di un tradizionale telescopio “GoTo” alla tecnologia di ultima generazione. «Il Piemonte si è trovato spesso in zona rossa, ma fermi proprio non riusciamo a stare», spiega il prof. Enrico Rinaldi (Scuole medie). «Così ci siamo dati allo spazio profondo. Ora la domanda è: cos’è sta roba? Questa è la galassia di Bode, uno degli oggetti più distanti visibili dal nostro pianeta (circa 12 milioni di anni luce), nonché tra le più brillanti del cielo».

 

Da tempo l’Istituto è impegnato nello sviluppo del mondo digitale e nella divulgazione delle discipline scientifiche. Alcuni allievi hanno studiato gli argomenti curriculari collegati all’astronomia, e, successivamente, preparato alcune lezioni per condividerle con altri studenti, da tutta Italia. Sono stati organizzati, e si stanno organizzando, incontri sulla piattaforma Meet. Le difficoltà non sono poche, ma si stanno superando una ad una. Il telescopio è fisicamente fermo in un giardino carrucese, ma le immagini che cattura possono essere condivise con tutti. È stato possibile collegare scuole serali di Torino e Pinerolo, allievi di Castel di Sangro (provincia dell’Aquila) e realizzare una classe “allargata” per osservare insieme lo spazio profondo.

«È stato importante anche per stato importante anche per la socialità dei ragazzi», scrive Elisa Paganin dell’IC Alda Merini di Castel di Sangro. «In questo momento di isolamento e difficoltà ad incontrarsi, avere scambi di idee, anche se a distanza, è fondamentale. Spero sia un’idea per “fare collaborare” le classi, anche su altri argomenti. Grazie ancora per l’opportunità». Il progetto prosegue e, oltre all’astronomia, le lezioni allargate tratteranno argomenti di biologia, utilizzando speciali lenti che consentono di trasformare uno smartphone in un microscopio.

Scopri anche

Furti e truffe ad anziani, arrestata banda di “professionisti”. Hanno colpito anche nel monregalese

Erano veri professionisti dei furti in casa di anziani. Agivano in pochi minuti: uno si accertava che la casa fosse vuota, un altro faceva da palo e quindi il primo entrava e faceva "pulizia"....

A Linea Verde su Rai 1 cartoline del monregalese, da Vico a Carrù

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA Nella puntata di oggi, domenica 29 gennaio, Linea Verde ha dedicato una serie di segmenti alle eccellenze e alle peculiarità del monregalese: dopo l'anteprima dedicata alla Fiera del Bue...

Mondovì: tutto esaurito per i “tour della memoria” al Ghetto ebraico, oggi la Sinagoga

Ha avuto un'enorme successo l'iniziativa, coordinata dalla Città di Mondovì con l'associazione Gli Spigolatori ed Esedra, dei "tour della memoria", di organizzare visite guidate a tema “Mondovì Città della Memoria” con visita guidata alle...

L’aereo che attraversa la luna: l’incredibile scatto da Carrù

«È tutta una questione di una frazione di secondo. Quando ci riesco, mi emoziono. Un po’ come un pescatore che, dopo ore e ore di attesa, riesce a tirare fuori un bel pesce». Il...

Paola Farinetti a Mondovì per presentare il libro “Tuffi di superficie”

Sabato 28 gennaio, alle 18 nella sala comunale delle Conferenze in corso Statuto, verrà presentato il libro di Paola Farinetti “Tuffi di superficie” (Gallucci editore). Sarà presente l’autrice che dialogherà con la giornalista Arianna...

Mondovì, lite tra pensionati nel parcheggio del supermercato: intervengono i Carabinieri

Ha colpito il contendente con una catena per chiudere la bicicletta, durante la lite scoppiata nel parcheggio del supermercato in via Cuneo a Mondovì, nei giorni scorsi. A seguire, dopo una segnalazione, è subito...