Francesco Filippi è il nuovo presidente della Polisportiva Carrucese

Giovane allevatore e consigliere comunale di minoranza: succede proprio all'attuale sindaco Nicola Schellino: "Convinto dalla squadra. Siamo super motivati"

Francesco Filippi durante l'impresa solidale-sportiva "MArgenterA" nel 2017

Francesco Filippi, 31 anni, allevatore carrucese e consigliere comunale di minoranza è stato eletto come nuovo presidente dell'Asd Polisportiva carrucese, il sodalizio che raccoglie tutte le Associazioni sportive del paese. In seguito all'assemblea dei soci e poi al consiglio direttivo ecco i nuovi vertici: nella carica di vice presidente c'è Stefano Bracco (consigliere comunale di maggioranza), mentre l'assessore allo sport Carol Curti diventa il segretario-tesoriere.

Il nuovo direttivo

Lo scorso lunedì 22 marzo, in videoconferenza, era stato composto l'intero Consiglio direttivo. Ne fanno parte Paolo Borello (ds Lpm Mondovì), Silvano Dompè (Carrù calcio), Ugo Bracco (Carrù Magliano calcio), Maria Elena Occelli (Twirling Carrù), Franco Rossi per la Bocciofila ed è di prossima nomina anche Bruno Bianco (tennis), rimandata solo per motivi burocratici. Il regolamento prevede poi tre persone designate dall’assemblea di tutti i soci. Sono Davide Marengo (twirling e calcio), Pier Domenico Ravera (pallavolo), e Marco Chiecchio (atletica). In quest'ultimo caso c'è da precisare che l'Atletica Mondovì formalmente non fa parte della Polisportiva, ma il Polo di Carrù è molto attivo sul territorio comunale.

Appassionato di montagna e ideatore di "MArgenterA"

«A tutto il Consiglio direttivo, ed in particolare al neonominato presidente, va il mio personale plauso e l'augurio di buon lavoro», commenta il sindaco Nicola Schellino, nonché ex presidente uscente della Polisportiva. «Mi fa molto piacere che un ragazzo giovane e capace come Francesco subentri nell'organizzazione». Filippi, ex calciatore nell'asd Magliano Alpi, e grande appassionato di montagna era stato ideatore nel 2017 del progetto sportivo-solidale "MArgenterA": la traversata da Ventimiglia fino ai 3.297 metri d'altitudine dell'Argentera Sud per raccogliere fondi da donare al centro diurno "Nucci-Banfi" di Dogliani. «Ciò che mi ha convinto è la disponibilità di tutti i consiglieri verso la mia candidatura», ci spiega il neo presidente. «E' un ruolo per lo più formale, perché penso che ci sarà davvero poca differenza al nostro interno. In Consiglio lavoreremo allo stesso modo e siamo già proiettati sull'estate. Tutti i membri sono o sono stati atleti e questo lo apprezzo molto: atleta ci nasci e non smetti mai d'esserlo. Siamo una squadra super motivata e tireremo tutti verso la stessa direzione».