Il Piemonte spera nella zona gialla dal 26 aprile: i numeri ci sono

piemonte zona gialla 26 aprile

Il Piemonte spera nella zona gialla dal 26 aprile. I numeri ci sono: il report di venerdì prossimo darà il responso

L'annuncio è stato dati ieri dal premier Mario Draghi e dal ministro Roberto Speranza in conferenza stampa - LEGGI QUI - ed è una notizia che rappresenta il primo passo verso un vero "ritorno alla normalità": dal 26 aprile torneranno le zone gialle, sospese dal Governo da prima di Pasqua. Il Piemonte può sperarci, e lo sapremo fra una settimana esatta: sarà il report ISS del 23 aprile, venerdì prossimo, a dire se potremo tornare "gialli".

LINK UTILI:

ORA SIAMO DA ZONA GIALLA: LO SAREMO ANCHE FRA 10 GIORNI?
Attualmente, col rientro anche dalla Granda in zona arancione (da oggi), il Piemonte ha parametri da zona gialla: lo conferma l'ultimo report del Ministero della Salute - ISSS emesso ieri che indica, per la nostra Regione, un Rt medio di 0,76. Dunque inferiore a 1, valore-cardine per svestire l'arancione e passare finalmente a misure meno stringenti per le cosiddette "aree a rischio moderato o basso". L'ultimo rilevamento indicava un'incidenza di 201.8 (casi settimanali per 100.000 abitanti) all'11 aprile, oggi sceso ormai sotto quota 200.

Anche i parametri del piano vaccinale del Piemonte sono in linea con quelli vaccinali - per quanto, come spieghiamo in questo articolo, le vaccinazioni debbano fare i conti con la carenza di dosi - e anche l'occupazione delle terapie intensive sta scendendo, ormai da 15 giorni. Sarebbero 16 le regioni o province autonome che possono dunque sperare nel giallo (oltre al Piemonte: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Provincia di Trento, Provincia di Bolzano, Toscana, Umbria e Veneto).

ZONA GIALLA: RISTORANTI APERTI, PISCINE, PALESTRE, CINEMA E TEATRI
Il nuovo documento per le zone gialle consente l'apertura di bar e ristoranti, anche se solo con tavoli all'aperto e ovviamente distanze tra i clienti, ma anche la riapertura (sempre con norme di sicurezza) di piscine, palestre e centri termali, cinema, teatri e spettacoli dal vivo. Per i dettagli, questo articolo indica le misure una per una.


VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI