Due cicogne bianche fanno il nido nelle campagne di Sant’Albano

Dario Borgogno, volontario dell’Oasi “La Madonnina”, spiega: «Evento capitato soltanto un’altra volta qui da noi. Si tratta di due esemplari selvatici, senza anelli di riconoscimento»

Foto di Dario Borgogno

Una coppia di cicogne ha scelto la sommità di un traliccio dell’alta tensione per nidificare, nella tranquillità delle campagne di Sant’Albano, a una ventina di metri d’altezza da terra. Sull’evento, curioso e molto affascinante al tempo stesso, abbiamo contattato l’esperto Dario Borgono, appassionato e volontario della vicina Oasi naturalistica “La Madonnina”. «Secondo il tabellino di marcia, questa coppia è in ritardo per la riproduzione e la schiusa delle uova, che generalmente avviene verso la fine di aprile, dopo una covata di 32 giorni – ci ha detto –. Le curiosità di questa specie sono che la femmina depone un uovo ogni 36 ore (fino a raggiungere la media di 4 uova), ma da subito inizia a covare. Altra curiosità riguarda i piccoli, che hanno una crescita lenta e impiegano circa 80 giorni per imparare a volare. La cicogna bianca è ormai presente stabilmente con molte coppie al centro cicogne di Racconigi, ma per Sant’Albano si tratta della seconda nidificazione, la prima, non andata a buon fine, si era verificata circa 5 anni fa. Questa coppia è priva di anelli di riconoscimento, quindi si tratta di una coppia selvatica. Ovviamente si invitano gli appassionati e curiosi ad avere rispetto sia delle abitazioni private nelle vicinanze, sia per gli animali, tenendosi a debita distanza dal luogo di nidificazione».