Mondovì supera Marignano al tie-break, nell’ultimo impegno della “pool”

Grande battaglia in campo al PalaManera. La Lpm Bam va avanti 2-1, viene ripresa, ma riesce a reagire e ad imporsi al quinto set. Ora si attendono le due partite della diretta avversaria Roma

Atto finale. La "pool promozione" della Lpm Bam Mondovì si chiude sabato 1º maggio al PalaManera, con il recupero in programma contro la "vecchia conoscenza" San Giovanni in Marignano, avversario di tante battaglie, anche nelle stagioni scorse. Il Puma attualmente si trova al primo posto in classifica, a pari punti con la corazzata Roma, ma le capitoline devono ancora affrontare Cutrofiano e poi proprio Marignano, prima che venga stilata classifica conclusiva della seconda fase. Per sperare di mantenere il primo posto (unica posizione valida per la promozione diretta in serie A1), le monregalesi devono quindi assolutamente vincere l'ultima sfida e poi restare in attesa dei risultati di Roma.

Coach Davide Delmati è determinato a mantenere la sua squadra in corsa fino alla fine e per affrontare Marignano si affida ancora al sestetto delle titolarissime, con Scola e Taborelli sulla diagonale, Hardeman e Tanase in banda, Molinaro e Mazzon al centro e De Nardi libero. Dall'altra parte della rete l'esperto Stefano Saja manda sul taraflex pedine di sicuro affidamento come Emanuela Fiore, Francesca Cosi, Dora Peonia e la forte attaccante brasiliana Lana Silva Conceicao.

Il primo set si apre in situazione di perfetta parità (6-6), con numerosi errori al servizio da entrambe le parti. La Lpm Bam non riesce ad aumentare il ritmo, così è Marignano a mettere a segno la prima fuga sul 6-10, sfruttando il mani-out vincente di Peonia. La reazione del Puma permette a Mazzon di mettere a segno due punti consecutivi riavvicinando le squadre sul 13-14, poi però le ospiti tornano a correre, difendono alla grande e attaccano con precisione, arrivando sul 13-17 con Cosi. Il pallonetto di Tanase tiene accese le speranze per Mondovì e porta al 17-18, poi però Conceicao e il doppio ace di Peonia ristabiliscono la distanza, sul 17-22. Taborelli "d'astuzia" accorcia nuovamente 20-23, ma ormai le ospiti sono lanciate, non sbagliano niente in difesa, e si impongono con il colpo nel segno di Peonia, per il 20-25.

Costrette ad inseguire, le monregalesi nel secondo set partono bene e vanno subito avanti 4-7 con il colpo nel segno di Tanase e l'ace di Molinaro. Mondovì va 10-12 con una bella fast di Molinaro, ma Marignano non allenta la pressione, si affida ai colpi di una Conceicao particolarmente ispirata e passa a condurre 12-13. Le locali comunque restano sul pezzo: Tanase pareggia il conto con l'ace del 14-14 e la fast di Molinaro permette il controsorpasso sul 18-14. Marignano tenta di recuperare, ma Taborelli non sbaglia e va a segno per due volte consecutivamente, portando il punteggio sul 18-22. Hardeman affonda il colpo del 18-23, Scola fa l'ace del 18-24 e l'errore al servizio di Ceron porta al 19-25.

Tutto torna in discussione. In avvio di terzo parziale l'ace di Molinaro porta al 6-3 e l'errore in attacco di Fiore permette al Puma di andare sul 10-5. Il pallonetto di Taborelli vale il 12-9, ma le ospiti si riorganizzano affidandosi a Fiore e Peonia e piazzano l'aggancio sul 12 pari. Mondovì torna a macinare punti e scappa via: Scola "di seconda" fa 15-13, Bordignon mette a terra il 18-15 e Mazzon sigla il 20-15. Le rossoblù sono lanciate, Tanase trova lo spiraglio giusto per il 23-16 e il game si chiude 25-17.

Nel quarto set, alla ricerca del colpo che riaprirebbe l'incontro, Marignano va avanti addirittura 1-8, sfruttando anche l'assenza in campo di una Hardeman non al meglio fisicamente, sostituita da Bordignon. Mondovì reagisce e recupera sul 9-5 con l'ace proprio di Bordignon, poi il muro di Mazzon e gli errori di Fiore e De Bellis permettono al Puma di arrivare al pareggio, sul 12-12. Marigano torna a +3 con l'ace di Cosi (13-16) e l'errore in attacco di Taborelli consente alle ospiti di allungare sul 14-19. Sul 20-15 rientra Hardeman. La Lpm Bam reagisce e Tanase mette giù il 19-21 dopo un gran recupero in difesa di Bordignon, ma l'errore di Taborelli in attacco porta Marignano sul 19-23 e De Bellis fissa il 20-25 prolungando la sfida al tie-break.

Nel quinto set, con Hardeman in campo dall'inizio ma solo per pochi minuti (nuovamente sostituita da Bordignon), Marignano va 2-4 grazie all'attacco di Peonia e resta avanti 4-7 con il mani-out di Conceicao. Il muro di Molinaro permette comunque di tornare a contatto e il successivo siluro di Taborelli porta all'aggancio, sul 7 pari, prima del cambio campo sull'8-7 grazie al pallonetto di Tanase. Marignano torna a mettere il naso avanti sul 9-11, Delmati chiama il time-out per riordinare le idee e si gioca il tutto per tutto richiamando in campo Hardeman. La squadra reagisce e Taborelli mette a segno l'11 pari, prima del doppio errore in attacco di Peonia, che porta al 13-11. Il Puma non molla più la presa e sfrutta il momento favorevole: Molinaro sigla il 14-11, Marignano torna pericoloso sul 14-13, ma l'errore di Berasi al servizio consegna la vittoria a Mondovì, sul 15-13.