Il vescovo Egidio Miragoli incaricato da Papa Francesco quale visitatore alla Congregazione per il Clero

Un impegno in più giunto a sorpresa per mons. Miragoli che richiederà a più riprese nelle prossime settimane la sua presenza a Roma. Resta invariato il calendario delle cresime in diocesi

Egidio Miragoli e Papa Francesco © Servizio Fotografico Vatican Media

Il vescovo Egidio Miragoli incaricato da Papa Francesco quale visitatore alla Congregazione per il Clero (©-Servizio-Fotografico-Vatican-Media)

«Voglio anticiparvi personalmente una notizia che verrà resa nota questa mattina e che mi coinvolge – ha scritto il vescovo mons. Egidio Miragoli in una mail a tutti i sacerdoti della diocesi lunedì mattina 7 giugno –. In occasione della recente Assemblea CEI, Papa Francesco ha voluto incontrarmi “per chiedermi un favore”: compiere una visita, a nome suo, alla Congregazione per il Clero. Il giorno 3 giugno, poi, in un incontro a Santa Marta, mi ha precisato meglio le sue attese. Superfluo dire come la richiesta mi abbia colto di sorpresa e come, naturalmente, io abbia dato la mia disponibilità. Questo impegno, che comporta soprattutto l’incontro, a Roma, con il personale della Congregazione, richiederà un po’ di tempo che ora non so quantificare, ma presumibilmente occuperà almeno il mese di giugno, sia pure in modo non continuativo. I primi incontri inizieranno già mercoledì». «Con questo scritto volevo comunque rassicurarvi – conclude il vescovo Egidio Miragoli dopo la decisione di Papa Francesco – circa gli impegni in agenda (a cominciare dal calendario delle cresime) che rimarrà invariato. Per il resto sono a chiedervi un po’ di pazienza e comprensione, nella certezza che sapremo armonizzare le esigenze comuni e continuare come previsto il nostro cammino».


VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI