«Non vogliamo essere noi a pagare il prezzo per le feste scriteriate alla vittoria dell’Italia»

Dura presa di posizione del presidente di Confartigianato Piemonte, Giorgio Felici

«Ora non vogliamo essere noi a pagare il prezzo per le feste scriteriate alla vittoria dell'Italia»
Giorgio Felici: «Ora non vogliamo essere noi a pagare il prezzo per le feste scriteriate alla vittoria dell'Italia»

«Ora non vogliamo essere noi a pagare il prezzo per le feste scriteriate alla vittoria dell'Italia». Giorgio Felici, presidente di Confartigianato Piemonte, esce allo scoperto con un duro commento su quanto successo domenica sera in tutta Italia. «Siamo tutti entusiasti per la vittoria della nazionale italiana agli Europei di calcio – commenta –, tuttavia siamo sconcertati di fronte ai festeggiamenti con persone accalcate, abbracciate, con mascherine abbassate. A parte sterili raccomandazioni, non vediamo nessun tipo di controllo, come se l'emergenza fosse finita. Eppure artigiani, esercenti e commercianti continuano a rispettare le regole anti-Covid19 per lavorare in sicurezza, e chi opera nel campo della somministrazione indossa la mascherina anche in cucina o quando serve ai tavoli».

«Ora non vogliamo essere noi a pagare il prezzo per le feste scriteriate alla vittoria dell'Italia»

«Qualcosa, quindi non funziona – continua Felici –. O ci siamo lasciati alle spalle la pandemia, e allora il liberi tutti deve valere davvero per tutti, oppure no, e allora le regole devono valere per chi lavora come per chi fa festa. Quest'autunno i virologi hanno ripetuto a reti unificate che la seconda ondata era colpa dell'estate scriteriata, immagino che nei prossimi mesi ridiranno in coro esattamente le stesse cose. Ma non accettiamo di essere ancora noi a pagare il prezzo di nuove restrizioni e chiusure a fronte di un aumento dei contagi. Mentre in piazza e nelle strade si fa festa sventolando il Tricolore, gli imprenditori vivono in una situazione di incertezza che rende impossibile programmare i prossimi mesi. Pensiamo solo alla filiera degli eventi. Siamo stremati, in tanti non hanno riaperto, altri chiuderanno, non possiamo lavorare con gli occhi bendati, addossandoci il rischio che, a fronte di una crescita dei positivi, il Piemonte possa tornare in zona gialla, se non peggio. Dopo aver visto dare la caccia perfino ai runners solitari durante il lockdown, dopo aver visto invocare battaglioni di ispettori per controllare le aziende (idea Pd), dopo aver costretto per mesi un intero settore a sopravvivere con l'asporto o le consegne a domicilio, di fronte alla sacra palla e ai suoi baccanali si fa finta di non vedere. La sofferenza di intere categorie produttive di un Paese che conta sei milioni di poveri, meriterebbe ben altro rispetto: dagli italiani tutti e da chi li governa».

 

 

___

VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI
Sì, voglio le top news gratis ogni settimana - ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - CLICCA QUI