I gabbiani del Monregalese non arrivano dal mar Ligure, sapete perché?

Mauro Fissore, tra i massimi esperti in materia, traccia un profilo molto interessante e spiega: «Il gabbiano è un po' una "cornacchia del mare", sceglie di vivere anche da noi ovviamente per opportunismo»

Foto A. Bertolino

In molti, la scorsa settimana a Mondovì, hanno notato un grande stormo di gabbiani, in sosta nei prati dell’Altipiano, a pochi metri dalle case. Gli animali, per nulla intimoriti dalla presenza di auto e persone, sono rimasti in zona per un paio di giorni, prima di ripartire per una nuova destinazione. Anche se normalmente si tratta di un numero ridotto di esemplari, i gabbiani sono ormai diventati presenza abituale pure nelle nostre pianure. Ma perché questi uccelli scelgono sempre più spesso di vivere anche lontani dal “loro” mare? Lo abbiamo chiesto al santalbanese Mauro Fissore, funzionario del servizio di vigilanza Guardiaparco del Parco Alpi Marittime e sindaco di Morozzo, tra i massimi esperti di zona. «Il gabbiano è un animale nomade, quindi per lui è normale spostarsi e se si sposta, ovviamente, lo fa per una “convenienza personale”, spesso legata al cibo – ci ha spiegato –. Per comportamento il gabbiano è un po’ una “cornacchia del mare”, è un opportunista, si adatta alla situazione, è uno spazzino, ma anche un predatore e mangia di tutto. Qui da noi approfitta soprattutto dei rifiuti, ma mangia anche i piccoli dei piccioni e di altri uccelli, quindi frequenta spesso le aree urbane. Non è strano neanche vederlo tra i campi coltivati, dove la terra smossa può offrigli l’opportunità di banchettare con piccoli roditori o talpe. Molto probabilmente una delle cause dei suoi spostamenti verso l’entroterra è anche il riscaldamento del mare. Quando l’acqua diventa più calda infatti i pesci di superficie si spingono più in profondità per cercare refrigerio e il gabbiano, che non è un tuffatore come invece ad esempio lo è il cormorano, va in difficoltà e inizia a cercare cibo “diverso”, più facilmente reperibile. Contrariamente a quel che possiamo pensare, i gabbiani che vediamo qui non arrivano dalla vicina Liguria, ma dall’Adriatico. Il gabbiano infatti parte dalla foce di un fiume, in questo caso il Po, e risale il corso d’acqua, fermandosi di città in città alla ricerca di cibo e arrivando, appunto, fino al Cuneese. Anche se si tratta di un nomade, in alcuni casi abbiamo già notato che alcuni gabbiani decidono di nidificare qui da noi – conclude Fissore –. Anche in questo caso però è sempre una questione di opportunità. Il gabbiano infatti non si “affeziona” al posto e dopo aver nidificato può benissimo decidere di cambiare zona, l’anno successivo. Quando nidifica qui da noi lo fa specialmente in alto, su edifici abbandonati o sulla sommità delle gru per l’edilizia, costruzioni che gli “ricordano” un po’ le scogliere sul mare, dal quale proviene».

Scopri anche

Furti e truffe ad anziani, arrestata banda di “professionisti”. Hanno colpito anche nel monregalese

Erano veri professionisti dei furti in casa di anziani. Agivano in pochi minuti: uno si accertava che la casa fosse vuota, un altro faceva da palo e quindi il primo entrava e faceva "pulizia"....

A Linea Verde su Rai 1 cartoline del monregalese, da Vico a Carrù

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA Nella puntata di oggi, domenica 29 gennaio, Linea Verde ha dedicato una serie di segmenti alle eccellenze e alle peculiarità del monregalese: dopo l'anteprima dedicata alla Fiera del Bue...

Mondovì: tutto esaurito per i “tour della memoria” al Ghetto ebraico, oggi la Sinagoga

Ha avuto un'enorme successo l'iniziativa, coordinata dalla Città di Mondovì con l'associazione Gli Spigolatori ed Esedra, dei "tour della memoria", di organizzare visite guidate a tema “Mondovì Città della Memoria” con visita guidata alle...

L’aereo che attraversa la luna: l’incredibile scatto da Carrù

«È tutta una questione di una frazione di secondo. Quando ci riesco, mi emoziono. Un po’ come un pescatore che, dopo ore e ore di attesa, riesce a tirare fuori un bel pesce». Il...

Paola Farinetti a Mondovì per presentare il libro “Tuffi di superficie”

Sabato 28 gennaio, alle 18 nella sala comunale delle Conferenze in corso Statuto, verrà presentato il libro di Paola Farinetti “Tuffi di superficie” (Gallucci editore). Sarà presente l’autrice che dialogherà con la giornalista Arianna...

Mondovì, lite tra pensionati nel parcheggio del supermercato: intervengono i Carabinieri

Ha colpito il contendente con una catena per chiudere la bicicletta, durante la lite scoppiata nel parcheggio del supermercato in via Cuneo a Mondovì, nei giorni scorsi. A seguire, dopo una segnalazione, è subito...