Due monregalesi al via dello spettacolare Rally dell’Isola d’Elba

A bordo della bellissima Porsche 911 SC dell'81 il tandem Pierangelo Pellegrino-Davide Peruzzi, ben 13 le nazioni rappresentate nella tappa del Campionato europeo

È una delle corse più affascinanti e longeve di tutti i tempi, tanto da essere valida sia per il Campionato italiano rally storici (il Ciras), sia, quest’anno, addirittura come tappa Fia del campionato europeo “Historic Rally Champonship”. E sulla scia della grande tradizione di piloti da Mondovì, al via allo spettacolare Rally storico dell’Isola d’Elba c’è anche l’equipaggio tutto monregalese targato Pierangelo Pellegrino e Davide Peruzzi. Non più a bordo della loro gloriosa Fiat 131 Abarth, ma con un altro gioiellino d’epoca: la Porsche 911 SC, più “competitiva” e con 40 anni d’età (portati benissimo). Pellegrino e Peruzzi da tempo sono parte del circuito dei rally storici nazionali, tanto da meritare questa chiamata anche in una gara europea Fia.

Il Rallye Elba storico è organizzato in 9 prove speciali distribuite in tre giorni sui percorsi fra tradizione e modernità. Conta ben 133,350 chilometri competitivi (una delle più lunghe in assoluto) organizzati in 9 prove speciali, vale a dire il 30,04% dell’intera distanza che è di 443,940 km. Ieri sera, mercoledì 23 settembre, la prima spettacolare prova speciale dell’“Innamorata” con il passaggio negli stretti “caruggi” di Capoliveri.

Le prove speciali dureranno fino a sabato sera. «Siamo arrivati sull’isola lunedì – spiega, poco prima della partenza, Davide Peruzzi (nel ruolo di navigatore)  – per i test e le verifiche. Per gli appassionati di motori, qui è un sogno ad occhi aperti. Ci sono tutte le auto storiche più belle di sempre, ben 13 nazioni rappresentati in un clima davvero speciale. Non vediamo l’ora».

Dopo il primo giorno di ambientamento, i due hanno fatto registrare già un buon tempo alla terza prova speciale di venerdì 24 settembre con il 15° posto assoluto nel Campionato italiano.