Il Liceo svela i documenti mai tradotti dei nazisti sui cuneesi

Gli italiani? «Inaffidabili». Anzi, per essere precisi: «Inaffidabili come soldati, ma anche come imprenditori e in generale come "alleati". E, al di là delle dichiarazioni di facciata, ostili». Ecco cosa pensavano di noi cuneesi i Tedeschi nel 1943. Risulta dai rapporti, riservati, che arrivavano in Germania da un ufficio composto da militari e impiegati amministrativi che, mensilmente, era tenuto a redigere relazioni sulla situazione politica ed economica della nostra provincia: il “Militärkommandantur”. Ce n’era uno anche a Cuneo. Ma quei documenti, conservati all'Istituto Storico della Resistenza e della Storia contemporanea della provincia di Cuneo, sono tutt’ora in parte inediti e mai divulgati. Anche perché erano in tedesco. Fino a oggi: a tradurli ci hanno pensato i ragazzi del Linguistico di Mondovì, del Liceo “Vasco Beccaria Govone”.

Un progetto dell’Istituto Storico della Resistenza di Cuneo pensato proprio per colmare la lacuna. L’iniziativa coinvolge diversi Istituti superiori della provincia di Cuneo, tra cui i Licei monregalesi. Documenti che meritano l’attenzione del pubblico: «Anche per il tono sovente informale e "veritiero", almeno dal punto di vista dell'occupante tedesco, con cui sono stati scritti – affermano gli ideatori del progetto –. Saranno gli studenti, coordinati dai loro docenti, a trascrivere e tradurre i documenti, così da renderli leggibili e più facilmente accessibili a studiosi e ricercatori». Il progetto sarà presentato venerdì 5 novembre alle 17, nella sala del CDT, in largo Barale 1, a Cuneo, ma sarà possibile seguire l’appuntamento anche da remoto sulla piattaforma Zoom.