L’ultimo saluto a mister Rocco Vitale, nel “suo” campo da calcio

Sarà un momento di ricordo, nel suo “habitat” naturale: il campo da calcio. Al complesso sportivo di Bra venerdì 26 novembre, alle 15.30, in tanti potranno dare il loro ultimo commosso abbraccio a Rocco Vitale, l’allenatore 51enne venuto a mancare la scorsa settimana. Carrucese, papà di Federica e sposato con Cinzia, era diventato la scorsa estate il coordinatore del progetto di calcio al femminile proprio all’A.c. Bra. In questi anni tante bambine si erano avvicinate al mondo dello sport grazie a lui: da Carrù, Dogliani, Fossano, Mondovì e non solo. Trascinate da quell’entusiasmo contagioso e quell'incredibile voglia di fare.

Si è spento mercoledì scorso all’ospedale di Ceva, a seguito di problemi cardiaci. «Nell'estate appena trascorsa – lo ricorda la società giallorossa di Bra (che nel week end appena passato ha osservato un minuto di silenzio su tutti i campi) – aveva fatto partire il calcio femminile nella nostra società. Da parte sua, grande impulso e grande impegno per le formazioni Under 15, Under 12 e Pulcini Misti. Vogliamo ricordarti com’eri: fieri e sorridente in mezzo alle "tue" ragazze giallorosse». Siciliano d’origine, si era poi trasferito giovanissimo da Torino per venire a lavorare alla Milano Stampa di Farigliano. Gli amici si sono organizzati per una raccolta fondi da devolvere ai famigliari. Si può donare a seguente link: https://www.gofundme.com/f/in-memoria-di-rocco-vitale. Tantissime le dediche: «Eri schietto, leale, pulito, burrascoso e testone: una persona vera, con un grandissimo cuore». Perché «vivere nei cuori di chi lasciamo dietro di noi, non è morire».