“Cavoli tuoi”: domani la fiera a Piazza

mondovì san martino cavoli tuoi

Un “San Martino”… fuori calendario, ma comunque la tradizione verrà in qualche modo rispettata. La manifestazione “Cavoli tuoi”, fiera-mercato ortofrutticola di Mondovì Piazza organizzata da “La Funicolare”, prevista per domenica 14 novembre e rinviata per maltempo, si terrà domenica 28 novembre.

LA FIERA DI SAN MARTINO
Per secoli, il giorno di San Martino è stato una data cardine nel calendario contadino piemontese. Il giorno dell’ultimo mercato dell’anno: quello in cui si riempivano i carri con tutto quello che si era raccolto, si vendeva e si comprava, e si tornava a casa a riempire la cròta per tutto l’inverno. Una data simbolica a cui venivano associate tante cose: le semine, i contratti, i traslochi. Domenica l’Associazione “La Funicolare” riporta in vita la tradizione della fiera contadina, che da qualche anno è stata ribattezzata con il moderno nome “Cavoli tuoi”, rimandando a uno dei prodotti più tipici del periodo – appunto, il cavolo. Il “salotto” di piazza Maggiore ospiterà i più rinomati prodotti ortofrutticoli del Piemonte, a partire dal porro di Cervere sino ai Presidi Slow Food del cardo gobbo di Nizza M.to, del fagiolo di Badalucco, della piattella canavesana, della rapa di Caprauna e del peperone di Carmagnola, passando per le mele della Garzegna e della Valle Bronda, i nashi di Piozzo, le patate della Bisalta, le carote di San Rocco Castagnaretta. Tra le bancarelle anche produttori di derivati, marmellate e miele. Un’occasione particolare, unica, per poter confrontare ed apprezzare sapori e fragranze di varietà diverse. A partire dalle ore 12,30 sarà inoltre possibile degustare le tradizionali zuppe del territorio: il menù prevede il minestrone di trippe, por e coj, la cisrà di Dogliani, la zuppa di ceci di Nucetto, la vellutata di zucca di Piozzo, fagioli con le cotiche di Bagnasco, crauti e cotechini e, per finire, frittelle e strudel di mele della Garzegna (De.Co.). Antiche ricette, riunite per l’occasione, per poter deliziare e riscaldare i palati dei visitatori, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino Dogliani DOCG.