Nonna Rita Filippi racconta il Natale di 100 anni fa: «Eravamo felici con poco»

101 anni compiuti e una grande lucidità La signora Margherita è la nonna più longeva di Trinità: «La sera della viglia facevamo capriole sulle paglia, nella stella. Sulla tavola di Natale, a volte c’erano anche i tajarin»

Margherita Filippi, nata il 25 agosto 1920 ai Ronchi di Carrù, cresciuta nella borgata “Risord”, ha trascorso gran parte della sua vita a Trinità e oggi risiede nel Soggiorno per anziani del paese, sempre circondata dall’affetto della sua famiglia. 101 anni compiuti e non sentirli, ed è proprio vero questo detto per nonna Rita (la nonna più longeva di Trinità) che, con la sua splendida lucidità, ci racconta il Natale di quand’era bambina. «C’era la miseria e la mia famiglia aveva pochi soldi, vivevamo nella povertà come tanti. Eravamo cinque fratelli, tutti piccoli insieme. Quando ero piccola a Natale non si faceva mica come adesso. La sera della vigilia di Natale si andava tutti nella stalla, perché le mucche riscaldavano l'ambiente ed io con la mia famiglia e i vicini aspettavamo la nascita di Gesù. I grandi: mia mamma, papà e i vicini, parlavano tra di loro e cantavano. Invece io con i miei fratelli giocavamo. In un angolo c’era un mucchio di paglia, dove noi bambini saltavamo e facevamo capriole. Il giorno di Natale, chi si svegliava per primo svegliava anche gli altri e subito si guardava sotto il cuscino. Solitamente mamma ci metteva quattro bon bon e il “Bambin” di zucchero. Eravamo felici anche con poco! Dopo un buon latte, tutti assieme si andava a messa a piedi. Camminavamo per oltre 2 chilometri. Dopo la messa noi bambini ci fermavamo un po' all’Oratorio, si giocava sulla neve. C’era suor Letizia, brava, mi ha insegnato tante preghiere, io stavo bene con lei. Intanto mamma e papà andavano a casa a preparare il pranzo. Non c'era grande abbondanza e si pranzava con pietanze povere, però si mangiava bene il giorno di Natale. Sulla tavola c’era sempre qualcosa di speciale: la polenta o il riso latte e poi a volte anche i tajarin. Qualche volta si andava a mangiare nella stalla, perché faceva più caldo. Terminato il pranzo noi bambini giocavamo a carte, a “bugiardo”, e chi perdeva aveva una penitenza da fare: andare sulla neve. La neve non mancava mai, mica come adesso. Avevamo poco, i doni erano poveri, ma regalavano tanta felicità! Poi a 18 anni mi sono sposata, sono nate le mie figlie e abbiamo iniziato a far il presepe con poche statuine di gesso, un po' di muschio raccolto nel giardino e i pranzi erano già più ricchi. Per me il Natale è sempre stata e lo è ancora adesso una bella festa!».

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...
rifugio serre di oncino

Al Rifugio Serre di Oncino la “cucina piemontese delle origini”

Abbiamo intervistato Riccardo Ferraris, gestore del Rifugio Serre di Oncino, in valle Po, inaugurato da pochi giorni. Con la famiglia gestisce anche il ristorante “La Raviola Galante” a Scurzolengo (AT), dove si propongono piatti...

Mondovì, due concorsi pubblici per quattro posti a tempo indeterminato

Il Comune di Mondovì ha pubblicato sul Portale Unico del Reclutamento nella giornata di oggi, martedì 18 giugno 2024 - CLICCA QUI - , due differenti concorsi pubblici per la copertura di quattro posti...

“Castello c’è” regala fiori ai residenti, per abbellire il borgo antico di Dogliani

Prosegue, costante, l’attività di valorizzazione turistica e culturale del gruppo di volontari “Castello c’è”, impegnati ormai da parecchi anni in una serie di iniziative volte a migliorare e a rendere sempre più “appetibile” il...

Dopo le elezioni: convegno a Cuneo fra Costa e Marattin, «Il momento delle scelte»

C'è chi lo dà già diretto verso Forza Italia. Chi dice che sta lavorando a ri-quagliare il partito di Calenda che si è squagliato dopo lo strappo con Renzi. Probabilmente non è del tutto...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...