Re incontrastato del 2021 è il ROCK (all’estero)

Il migliore disco d'esordio è quello dei Black Country New Road. Nella Top 15 la britannica Self Esteem è la Regina del pop

In maniera del tutto contrapposta il rock all’estero è genere più frequentato che mai nel 2021. Tra i numerosi ascolti le idee più interessanti sono quelle portate dai londinesi Black Country New Road (il loro è un rock, post punk, sperimentale e mai domo). Ma una citazione la meriterebbero anche l’hardcore dei Converge con il bel "Bloodmoon: I", gli irlandesi God Is An Astronaut e su tutti i Mogwai tornati con un disco che non ha deluso le aspettative.

Sufjan Stevens per quanto prolifico nei suoi svariati progetti resta uno degli artisti americani più interessanti del panorama cantautorale, così come Billie Eilish ha confezionato un disco meno prorompente del precedente, ma assai raffinato e che richiede più di un ascolto per essere apprezzato fino in fondo. Sopravvalutato pare invece Red, terzo lavoro in due anni della sempre più folk Taylor Swift.

Tra gli over 50 meritano una menzione Damon Albarn (Blur), con un disco solista quanto mai interessante, il modernariato cover di Dave Gahan (Depeche Mode) insieme ai Soulsavers, e Nick Cave che con il fido amico Warren Ellis nell’ultimo Carnage regalano un musica sontuosa. Alla voce “suoni dal mondo” è piacevole il lavoro di Mdou Moctar che continua l’esperienza dei lavori di Bombino, Nine è l’ennesima conferma dell’ottima
attività dei Sault (disponibile online per un breve periodo e ora, se si vuole ascoltare, si deve ordinare il disco), As Days Get Dark rappresenta il graditissimo ritorno (dopo vent’anni) degli Arab Strap, mentre godibile il funk danzereccio de L’Impératrice. Il pop nel 2021 ha come sua regina la britannica Self Esteem con un disco potentissimo come
Prioritise Pleasure, mentre nell’elettronica è apprezzabile il lavoro di Floating Points e nel rap quello di Ghetts.

La TOP 15

15 Ghetts “Conflict of Interest”

14 Floating Points, Pharoah Sanders & The London Symphony Orchestra “Promises”

13 Mdou Moctar “Afrique Victime”

12 God is An Astronaut “Ghost Tape #10”

11 Converge & Chelsea Wolf “Bloodmoon: I”

10 L’Impératrice “Tako Tsubo”

9 Damon Albarn “Nearer the Fountain, More Pure the Stream Flows”

8 Mogwai “As the Love Continues”

7 Billie Eilish “Happier than Ever”

6 Sault “Nine”

5 Arab Strap “As Days Get Dark”

4 Sufjan Stevens & Angelo De Augustine “A Beginner’s Mind”

3 Nick Cave & Warren Ellis “Carnage”

2 Self Esteem “Prioritise Pleasure”

1 Black Country New Road “For the First Time”

Qui gli altri articoli dello Speciale

Il Disco: Passato, Presente e Futuro

Il 2021 è stato l’anno dei Måneskin, ma il migliore è Marracash

Possono i dischi raccontare ancora un anno di musica?