Tamponi a Garessio. Il sindaco: «L’Asl non ci autorizza»

È necessario rivolgersi ad altri Comuni (farmacie di Bagnasco, Ceva, Pieve di Teco, San Michele, Vicoforte)

Il sindaco di Garessio, Ferruccio Fazio, tramite un post sulla pagina Facebook del Comune, ha voluto comunicare ai garessini il quadro della pandemia in paese. «Ad oggi (martedì 11 gennaio, ndr) i positivi sono 49 – spiega il sindaco –. Ricordiamo che la diffusione avviene maggiormente tra i non vaccinati come maggiore è la possibilità per questi che la malattia si manifesti nelle forme più aggressive che possono portare al ricovero nelle terapie intensive. Ricordo altresì a tutti l’importanza di seguire scrupolosamente le disposizioni governative emanate per il contenimento della diffusione del virus (DL 1/2022 e precedenti decreti indicati in premessa). Le informazioni relative alla campagna vaccinale (dove e quando vaccinarsi) si possono reperire sul sito: www.ilpiemontetivaccina.it.»
Il sindaco spiega poi del perchè non sia ad oggi possibile effettuare tamponi direttamente a Garessio. «Quanto alla possibilità di fare tamponi a Garessio – dice Fazio –, come già precedentemente comunicato, il Comune si è attivato per poter eseguire tamponi in assenza di esercizi privati (farmacie) operanti in questo senso, ma l’ASL-CN1 non ha, per motivi a noi ignoti, concesso al Comune l’autorizzazione relativa. Quindi per poter eseguire tamponi occorre purtroppo rivolgersi ad altri Comuni (farmacie di Bagnasco, Ceva, Pieve di Teco, San Michele, Vicoforte). Resto come sempre personalmente a disposizione per chiarimenti ed eventuale supporto».