Magliano: danneggiata la targa in memoria del partigiano Piero Fortunati

Lettera di Ughetta Biancotto, presidente Anpi: «Ci chiediamo se sia un atto vandalico. Gli esperti che abbiamo interpellato dicono che è così»

Targa del Partigiano a Magliano Alpi. Frantumata da chi?

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. La settimana passata, nella notte tra il 5 e il 6 di gennaio del 2022 è stata trovata la targa posizionata su un cippo in piazza della Stazione di Magliano, frantumata con evidenti rotture. Il Partigiano Piero Fortunati è morto giovanissimo ed è stato fucilato a Frabosa Sottana, frazione Miroglio, nel dicembre del 1944, come riporta la dicitura scritta sulla targa dedicata a questo giovane patriota. Lui, giovanissimo, ha scelto di combattere per la nostra libertà e per la nostra democrazia e quindi merita rispetto e riconoscimento dignitoso. La definizione di “patriota” vien concessa a chi ama e rispetta la propria Patria e lo dimostra nei fatti e nei discorsi. Lui l’ha dimostrato con le sue scelte coraggiose e per niente scontate. Ora, questa targa che ha avuto una posizione importante per il piccolo comune di Magliano, è completamente spaccata e nel terreno vicino si sono trovate varie scaglie della ceramica. C’è da chiedersi: “atto vandalico o, come definito dal sindaco, “il silicone che si è spaccato durante il freddo”? È una domanda che ci poniamo e abbiamo interpellato esperti e tutti hanno confermato che è probabile che la targa sia stata frantumata volontariamente. Questi atti, che in questo ultimo periodo, stanno succedendo in varie zone anche nella nostra Provincia, non meritano considerazione, anzi, direi mancanza assoluta di rispetto della nostra storia, dei valori di libertà e soprattutto del dolore che la morte di tanti giovani merita considerazione perché loro sono stati veri eroi a loro insaputa. Penso che loro l’abbiano fatto per un mondo più giusto, più equo e più umano. Noi vogliamo ringraziare Pietro e tanti suoi amici coetanei che ci hanno liberato da una dittatura che è costata milioni di morti; quindi, desideriamo che la targa venga ripristinata a e risistemata in modo rapido perché tutti i ragazzi capiscano il valore della democrazia e della libertà. Come si evince dalle foto sottostanti.

Ci auguriamo che questi piccoli episodi di vandalismo non si ripetano più.

Ughetta Biancotto, Presidente Provinciale ANPI, Cuneo

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Manomette il cronotachigrafo, autista fermato e multato dalla Polizia a Fossano

Nella mattina di giovedì 2 febbraio una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Cuneo, nell’ambito dei controlli del traffico commerciale, fermava a Fossano un autotreno immatricolato in Italia e condotto da un cittadino italiano...

A Farigliano, Posta ad orario ridotto da tre anni: «Si torni almeno ai 5...

Ormai dal 2020, con l’inizio della pandemia da Covid, l’Ufficio postale di Farigliano è aperto con “orario ridotto”. I lockdown e le ripetute chiusure avevano infatti portato Poste Italiane a decidere di dimezzare le...

Bastia: le pietre d’inciampo dei bimbi della Primaria, al “Giardino della Pace”

Venerdì 27 novembre l’aria era gelida e pungente al “Giardino della Pace” di Bastia, proprio come doveva esserlo quel lontano giorno del 1945 ad Auschwits. Insieme al fumo dei comignoli si è levato nel...

Da Bene Vagienna il “mappamondo volante” dei Montgolfier, al Carnevale di Venezia

Altra realizzazione assolutamente “ad effetto” per la “Fly In” di Bene Vagienna, l’azienda di Mauro Oggero specializzata nella creazioni di grandi opere gonfiabili, che in passato ha dato vita a progetti come il megastore...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...