Droga tra Italia e Francia: condannato anche un 33enne cebano

Dopo la maxi operazione “Ponente Forever” in sinergia tra le autorità italiane e francesi

L'operazione "Ponente Forever"

Dieci condanne e un sola assoluzione. È stata emessa lunedì, davanti al gup di Genova Filippo Pisaturo, la sentenza al processo di primo grado, con rito abbreviato, svoltosi a seguito della maxi operazione “Ponente Forever”. Era il settembre del 2020 quando i Carabinieri del R.O.S. e del Comando provinciale di Imperia erano entrati in azione in sinergia con la Gendarmerie Nationale di Marsiglia e Parigi.

Nella prima mattina dell’allora 15 settembre erano stati eseguiti 46 provvedimenti restrittivi, nonché sequestri patrimoniali in Italia e Francia per un controvalore di circa 900.000 euro. Le indagini avevano identificato l’esistenza di una rete attiva tra Italia, Francia, Belgio e Olanda interessata alla provvista e distribuzione di armi e di ingenti quantitativi di stupefacenti di diversa tipologia. I Ros, a partire dal 2018, avevano documentato diverse cessioni di cocaina, hashish e marijuana, e anche armi da guerra (Skorpion e AK 47 - Kalashnikov) tra i due principali indagati, un italiano e un francese.

L’italiano, C.S., 38 anni, originario di Oppido Mamertina in provincia di Reggio Calabria e residente nell’Imperiese, è stato condannato a 14 anni, 2 mesi e 20 giorni di carcere. Per lui è stata esclusa l’aggravante dell’aver agevolato la ‘ndrangheta. Tra i condannati anche W. G., 33 anni di Ceva: la pena inferta è di 5 mesi di carcere. Le altre otto condanne riguardano S.C. (46 anni, di Sanremo) a 9 anni e 4 mesi, A.K. (33 anni, albanese residente a Parma) a 8 anni, R.V. (50 anni, di Sanremo) a 7 anni e 3 mesi, D.M. (40 anni, residente a Valbonne) a 4 anni, L.C. (43 anni, di Sanremo) a 5 anni e 6 mesi, G.D. (50 anni, di Sanremo) a 2 anni e 8 mesi e infine i 25enni A.C. a 2 mesi e J.V. a 4 mesi.

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Manomette il cronotachigrafo, autista fermato e multato dalla Polizia a Fossano

Nella mattina di giovedì 2 febbraio una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Cuneo, nell’ambito dei controlli del traffico commerciale, fermava a Fossano un autotreno immatricolato in Italia e condotto da un cittadino italiano...

A Farigliano, Posta ad orario ridotto da tre anni: «Si torni almeno ai 5...

Ormai dal 2020, con l’inizio della pandemia da Covid, l’Ufficio postale di Farigliano è aperto con “orario ridotto”. I lockdown e le ripetute chiusure avevano infatti portato Poste Italiane a decidere di dimezzare le...

Bastia: le pietre d’inciampo dei bimbi della Primaria, al “Giardino della Pace”

Venerdì 27 novembre l’aria era gelida e pungente al “Giardino della Pace” di Bastia, proprio come doveva esserlo quel lontano giorno del 1945 ad Auschwits. Insieme al fumo dei comignoli si è levato nel...

Da Bene Vagienna il “mappamondo volante” dei Montgolfier, al Carnevale di Venezia

Altra realizzazione assolutamente “ad effetto” per la “Fly In” di Bene Vagienna, l’azienda di Mauro Oggero specializzata nella creazioni di grandi opere gonfiabili, che in passato ha dato vita a progetti come il megastore...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...