Nicoletta Bocca, la “partigiana del Dolcetto”, che se ne infischia delle mode

Repubblica Torino dedica uno spazio importante alla produttrice doglianese di Valdibà. L’avevamo conosciuta durante la vendemmia, mentre era al lavoro nel recuperato vigneto di Rocca Cigliè

Nicoletta Bocca ormai da trent’anni “difende”, con tenacia e determinazione, il Dolcetto e le terre di Langa. Il suo lavoro tra i vigneti, le sue convinzioni e la sua “filosofia agricola” spesso anche fuori dagli schemi, vengono descritte stupendamente dal giornalista di settore Nicola Barbato, con un articolo pubblicato venerdì 21 gennaio su Repubblica Torino. Nello scritto di Barbato, importante vetrina dedicata specialmente agli appassionati, Nicoletta Bocca diventa, con pieno merito, una “partigiana che non crede nelle mode, ma nel Dolcetto della tradizione”. “Il Dolcetto bistrattato, vino dimenticato, un tempo vino quotidiano, oggi vino rinnegato – si legge –. Ma i partigiani sono testardi e Nicoletta tiene duro, infischiandosene”.

I vigneti "che ritornano", strappati all'avanzare dei rovi e della boscaglia
Abbiamo conosciuto personalmente l’energica produttrice di San Fereolo, sulla collina doglianese di Valdibà, qualche mese fa. Era il tempo della vendemmia e Nicoletta si trovava al lavoro nel suo nuovo vigneto, sulle colline di Rocca Cigliè, dove aveva da poco strappato letteralmente un appezzamento di terra all’avanzare dei boschi e dei rovi. In quell’occasione avevamo discusso a lungo con lei e con il sindaco Luigi Ferrua, parlando dei vini di Langa e ovviamente del Dolcetto, dell’importanza della tradizione, delle nostre radici. Erano venuti fuori poi anche discorsi molto pratici, legati alle difficoltà del lavoro del vignaiolo oggi e alla necessità di diversificare la produzione, per riuscire a mantenere l’azienda economicamente in salute. Nicoletta crede profondamente in quello che fa e in come lo fa, esclusivamente utilizzando la biodinamica e, credeteci, l’appellativo di “partigiana” del Dolcetto, in questo caso, calza davvero alla perfezione.

Funamboli: dopo Facchetti e Veltroni, anche Debora Sattamino fra i protagonisti

Tre appuntamenti per la terza settimana di maggio. Inizia così, con un tris di imperdibili incontri, l’edizione 2024 del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’associazione culturale Gli Spigolatori. La tematica di quest’anno,...

Ciotole “d’artista” per i cani da adottare, in mostra al Museo della Ceramica

Il Liceo a indirizzo Artistico a Mondovì è cominciato appena un anno fa, e loro sono la prima classe ad affrontare il percorso. Ma la loro bravura è semplicemente sorprendente. E hanno deciso di...

Prato Nevoso annuncia la partenza imminente dei lavori a Trucca Sapè

È quasi completo l'iter burocratico necessario per avviare i lavori al nuovo invaso sulla Trucca Sapè: la stazione sciistica Prato Nevoso annuncia la partenza dell'intervento entro poche settimane. Il nuovo invaso avrà...

Festa di San Filippo a Breo, celebrazione con mons. Brunetti

Momento importante per la comunità dei Padri Filippini, presenti nel Santuario del Santissimo Nome di Maria (chiesa di San Filippo come da tutti è indicata e conosciuta) a Breo, nonché ricorrenza che richiama tanti...
serie sky original 883

Alice Filippi alla regia della serie Sky Original sugli 883

Pavia, 1989. Sui banchi del Liceo scientifico "Niccolò Copernico" si incontrano due ragazzi di nome Max e Mauro. Di cognome fanno Pezzali e Repetto. Sono appassionati di fumetti e di film americani, e hanno...
Festa fioritura Baita Elica

Domenica la Festa della fioritura a Baita Elica

In questi giorni sul monte Pigna si verifica un fenomeno naturale di straordinario fascino: la sua cima si imbianca, non per le precipitazioni nevose, ma per la fioritura dei narcisi. Il candido fiore ricopre...