Sottratti 6.500 euro in beneficienza a Cortemilia, denunciato un hacker

Sospettato di aver sottratto i soldi destinati ad un ente benefico di Cortemilia

foto repertorio di Silvia Muratore

Era destinata all’assistenza in favore di bambini (seguiti da una nota organizzazione caritatevole langarola) la somma di denaro raccolta  dall'associazione calcistica di Cortemilia. Le comunicazioni informatiche volte a bonificare l’importo della donazione caritatevole hanno tuttavia subito l’interferenza da parte di un hacker, esperto in frodi più volte perpetrate negli anni in tutto il territorio nazionale, il quale ha dirottato a sè i fondi.

Dopo avere ricevuto la denuncia sporta ad inizio anno, i Carabinieri della Stazione di Cortemilia insieme ai colleghi della Compagnia di Alba, sono risaliti tramite le coordinate bancarie dei destinatario del versamento alle generalità di un primo soggetto, vittima a sua volta di furto d’identità. In un secondo momento i Carabinieri hanno identificato il presunto responsabile: un cittadino rumeno 44 enne residente in Lombardia, presentatosi incautamente agli sportelli di una Banca nel Bergamasco al fine di aprire un ulteriore conto corrente con la presentazione degli stessi documenti falsi.

L’analisi delle immagini di videosorveglianza della Banca comparate con i sistemi di identificazione delle persone sospette in possesso all’Arma, ha permesso ai militari albesi di raccogliere a carico del cittadino rumeno precisi indizi di reità per i delitti di «frode informatica, truffa, sostituzione di persona ed utilizzo di documenti falsi».